IL COMPLEANNO | Auguri presidente Berlusconi, col sorriso

Berlusconi oggi compie 84 anni, auguri con umorismo: il Cav sarà ricordato anche per le sue battute di umorismo e per imprevedibili stravaganze. Ricordarne alcune è il mio modo, oggi, per fargli gli auguri

Silvio Berlusconi

“E alla fine, non sono gli anni della tua vita che contano. E’ la vita che c’è stata nei tuoi anni” (Abramo Lincoln)

“Le stelle cadenti, le candeline dei compleanni, le fontane in cui ho gettato le monetine, i soffioni che ho soffiato: chissà cosa succederebbe se adesso quei desideri si avverassero tutti in un colpo!” (Fabrizio Caramagna)

“Papà, che cosa vuoi per il tuo compleanno?” “Un altro compleanno”. (Frank Sinatra)

“I due giorni più importanti della vita sono quelli in cui sei nato e quello in cui capisci perché” (Mark Twain)

“Ho capito di essere invecchiato quando al mio compleanno tutti gli invitati si sono messi intorno alla torta per scaldarsi le mani” (George Burns)

AUGURI SORRIDENTI A BERLUSCONI (84 ANNI, OGGI)

Berlusconi ha 84 anni, auguri con umorismo: le sue battute e quelle di Enzo Biagi e Fiorello. Silvio (oggi è il suo compleanno, ha 84 anni, è nato il 29 settembre 1936) sarà ricordato anche – certamente, ma non solo – per le sue battute di umorismo e per imprevedibili stravaganze. Ricordarne alcune è il mio modo, oggi, per fargli gli auguri. Si tratta di cose dette da lui o da altri.

SE AVESSE LE TETTE…

Enzo Biagi: “Se avesse le tette, farebbe anche l’annunciatrice”. Fiorello: “Venne allo Sporting di Montecarlo per la serata di gala di Publitalia. Mi disse che ero bravo, che avrei fatto tanta strada se avessi tenuto la testa sulle spalle. Mi disse: impara da Mike. Poi si bloccò, stava passando una bellissima ragazza e mi disse: chi è quella bella gnocca?”.

Lui a una bambina, nel 2007: «“Quanti anni hai, piccolina?” “Sette”. “Sai, io alla tua età ne avevo già nove”». Secondo un’altra battuta, probabilmente inventata da lui stesso: “Hanno fatto un sondaggio tra le ragazze italiane tra i 20 e i 30 anni. La domanda era: vorresti fare sesso con Silvio Berlusconi? Il 30 per cento ha risposto: magari! E il 70 per cento: ancora?!”.

A VIANELLO CHIESE UN PANINO

Raimondo Vianello: «Un giorno si presenta a casa nostra. Ci dice che è pronto a darci un programma, che ci aspetta a braccia aperte. Ha uno stile asciutto, convincente. È un venditore. In quegli anni la Rai è un ministero, non si capisce con chi parlare di nuovi progetti, nuove idee. Berlusconi offre patti chiari. E soldi. Insomma, ha argomenti convincenti. A un certo punto gli chiedo se vuole bere qualcosa. Lui mi risponde: “Non avrebbe un panino?”. Mi assale un dubbio: ma questo è davvero miliardario?»

“UNA FILA DI DONNE MI VUOLE SPOSARE”

Ancora lui, autoironico: “Una fila di donne che mi vogliono sposare. Punto primo: sono simpatico. Punto secondo: ho un po’ di grano, si sa. Punto terzo: la leggenda dice che ci so fare. Infine: loro dicono: è vecchio, muore subito, io eredito tutto”. “Sono fedele: frequentemente”.