Di Maio: la digitalizzazione fa bene all’export made in Italy

"Il boom dell'export di prodotti italiani degli ultimi mesi conferma la validita' delle strategie e ci stimola a proseguire nel cammino intrapreso”

“Digitalizzazione e innovazione, temi al cuore del festival, sono i cardini della strategia di rilancio del made in Italy che il nostro ministero ha varato lo scorso anno in risposta alla crisi dopo avere acquisito le competenze in materia di commercio estero e internazionalizzazione del sistema produttivo”. Cosi’ il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un videomessaggio in apertura del Web Marketing Festival in corso al Palacongressi di Rimini e in streaming.

“Il boom dell’export di prodotti italiani degli ultimi mesi conferma la validita’ delle strategie e ci stimola a proseguire nel cammino intrapreso – dice Di Maio – Le esportazioni sono aumentate del 4,6% nel primo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e continuano a crescere mese dopo mese: ad aprile abbiamo registrato un +3,4% rispetto a marzo. Per migliorare ancora dobbiamo colmare alcuni ritardi strutturali che caratterizzano la realta’ italiana in settori strategici per la crescita come quello digitale”.

L’indice di digitalizzazione della Commissione Ue “vede l’Italia 25/ma in Europa per dotazione e gestione di capitale digitale: questo e’ un dato assolutamente da superare”.

Poi il ministro ha illustrato le azioni della Farnesina per il rilancio nei temi di digitalizzazione e ha ricordato che nell’ambito del Pnrr il ministero “ha proposto la destinazione di un miliardo e 200 milioni di euro di cui 400 milioni a fondo perduto al rifinanziamento del fondo per progetto che coniugano sostegni all’export di aziende italiane e obiettivi del Next Generation Eu”.