Di Maio incontra il suo omologo cinese: “Ad Hong Kong indispensabile preservare l’alto grado di autonomia e libertà”

"Ho ribadito che con i partner europei riteniamo che stabilità e prosperità di Hong Kong, sulla base del principio un Paese due sistemi, siano essenziali”

Luigi Di Maio, titolare della Farnesina e capo della diplomazia italiana, durante la conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, in visita in questi giorni a Roma, ha detto: ad Hong Kong “è indispensabile preservare l’alto grado di autonomia e libertà. Seguiremo con molta attenzione i risvolti della nuova legge sulla sicurezza nazionale”.

“Ho ribadito – ha spiegato Di Maio – che con i partner europei riteniamo che stabilità e prosperità di Hong Kong, sulla base del principio un Paese due sistemi, siano essenziali”.

Di Maio ha voluto sottolineare con forza che non è assolutamente in dubbio il ruolo e il posizionamento internazionale dell’Italia: “La nostra appartenenza all’Ue e alla Nato è più solida che mai”, ha scandito Di Maio.

La visita dei ministro Wang Yi è la prima tappa di un giro che lo vedrà impegnato in altre quattro capitali europee visitando anche Olanda, Norvegia, Francia e Germania.

Sulle relazioni euro-cinesi il capo della diplomazia di Pechino ha detto che “subiscono provocazioni e danneggiamenti da forze esterne”, e “la mia visita serve per consolidare i rapporti tra Cina e Ue”. “Un’Europa unita, stabile e prospera – ha aggiunto – è importante per tutto il mondo, è il nostro giudizio strategico”.