Consiglio dei ministri approva riapertura Ambasciata d’Italia a Santo Domingo

Ok a nuove ambasciate Italia in Niger, Guinea, Repubblica Domenicana. Apriranno a Niamey, Conarky e Santo Domingo. Ma ancora manca la data

La riapertura dell’ambasciata d’Italia a Santo Domingo sul tavolo dell’ultimo Consiglio dei ministri, tenutosi oggi, 4 ottobre, a Roma.

Il Consiglio dei ministri si è riunito alle ore 18.47 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Claudio De Vincenti. In apertura del Consiglio dei ministri, la Ministra per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, ha aggiornato il Governo sullo stato di attuazione del Programma comunicando l’adozione di 10 ulteriori provvedimenti attuativi, di cui 9 riferiti al Governo in carica.

Su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Paolo Gentiloni, il Cdm ha approvato l’istituzione di tre Ambasciate d’Italia: a Niamey (Niger), Santo Domingo (Repubblica Dominicana) e Conakry (Repubblica di Guinea).

“Nei giorni scorsi – commenta Ricky Filosa, coordinatore MAIE Centro America e Caraibi -, Gentiloni aveva annunciato pubblicamente, nell’Aula della Camera, la riapertura della sede diplomatica tricolore a Santo Domingo. Oggi il Cdm ci mette il timbro. Ufficialmente, tuttavia, manca ancora una data. Speriamo – conclude Filosa – di poterla conoscere presto, anche perché sono tanti gli italiani residenti nella RD che da due anni stanno soffrendo disagi inenarrabili a causa dell’assenza di una ambasciata sul territorio”.