Calcio, tra appelli e rivalità torna il derby di Roma

Per la Roma e’ l’occasione del riscatto dopo la finale di Coppa Italia persa, per la Lazio l’opportunita’ per confermare la propria supremazia cittadina, ma per entrambe e’ un derby e’ da vincere contro ogni forma di violenza e razzismo. E non poteva partire che dal Campidoglio l’appello bipartisan in vista del big match di domenica. ”Lo sport e’ veicolo di socializzazione e di benessere. Ed e’ importante che sia vissuto con positivita’ e che si tengano lontani fenomeni odiosi come il razzismo – dice il sindaco di Roma, Ignazio Marino -. Solo le persone stupide si lasciano andare a manifestazioni razziste”. Messaggio recepito da due dei protagonisti, Michael Bradley ed Ederson. ”E’ una partita molto speciale per tutti i romani e domenica noi dimostreremo che Roma non e’ una citta’ razzista”, assicura il giallorosso che, pero’, infortunato, seguira’ i suoi dalla tribuna. ”Roma e’ la piu’ bella del mondo – aggiunge il ‘rivale’ Ederson – e vogliamo dare un esempio. Ci auguriamo che ci sia molto rispetto tra i giocatori e le tifoserie. Deve essere uno spettacolo per tutti”. E gli inviti alla calma arrivano da piu’ fronti. ”Mi auguro gia’ nel girone di ritorno che si possa tornare a giocare di sera – e’ l’auspicio del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro a SkyTg24 – non dipende da me, dipende dal pubblico”.

Di sicuro sara’ un derby d’alta quota, con la Roma che scendera’ in campo all’Olimpico da capolista e la Lazio distante sole tre lunghezze. ”Ci presentiamo con un gruppo compatto, determinato e volitivo, di una squadra che deve esprimere al 100% le proprie potenzialita’ e che e’ stata allestita per poter competere alla pari. La Coppa Italia pesera’ a livello psicologico? Penso che questo sia stato smaltito nelle ultime tre partite”, dice il presidente biancoceleste, Claudio Lotito, forte della striscia favorevole ai suoi (4 vittorie e un pareggio negli ultimi 5 confronti). E anche il patron indirizza un appello ai tifosi: ”Si comportino nel rispetto delle regole – le sue parole -. Il calcio deve essere caratterizzato da sentimenti e passione”.

”Siamo piu’ forti della Roma, abbiamo tutte le carte in regola per vincere”, e’ l’opinione del ds, Igli Tare, non spaventato dalle defezioni di Radu, Biava e Biglia, a cui si e’ aggiunta oggi quella di Novaretti (distrazione alla caviglia). L’esordiente Garcia, invece, senza Destro e Bradley e, con Balzaretti in recupero, ha un unico dubbio legato a Ljajic (oggi solo palestra per un lieve affaticamento alla coscia sinistra). Certamente si affidera’ a un Totti fresco di rinnovo biennale. ”E’ un punto di riferimento a Roma”, riconosce Lotito. E proprio Totti non si sbilancia in pronostici: ”E’ una partita differente dalle altre, ma dare un risultato non e’ da me”. Questo poi e’ il derby del riscatto dopo ‘la coppa in faccia’ del 26 maggio.”Fortunatamente ci sono solo tre romani in squadra – spiega – ma ci sono giocatori di grande esperienza con tantissimi derby alle spalle, come Maicon, De Sanctis, Strootman, che sanno come vivere questa partita e come affrontarla”.