Si rinnova l’accordo tra Carabinieri e Farnesina per la sicurezza di Ambasciate e Consolati

L'Arma concorre inoltre ad affrontare particolari situazioni di emergenza e di crisi locali o internazionali che dovessero mettere in pericolo la sicurezza delle stesse Rappresentanze

Carabinieri - Farnesina
Carabinieri - Farnesina

Questa mattina presso la sede del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, il Gen. C.A. Teo Luzi, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, e l’Ambasciatore Ettore Francesco Sequi, Segretario Generale della Farnesina, hanno siglato la nuova versione della pubblicazione “Comando Carabinieri Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale”.

L’evento si pone nell’ambito dei consolidati rapporti di collaborazione tra l’Arma e il MAECI che chiama l’Arma ad assicurare i servizi di sicurezza delle Rappresentanze diplomatiche e consolari, in Italia e all’estero, nonché quelli a favore degli Uffici degli addetti militari all’estero.

L’Arma concorre inoltre ad affrontare particolari situazioni di emergenza e di crisi locali o internazionali che dovessero mettere in pericolo la sicurezza delle stesse Rappresentanze. Per lo svolgimento di tali compiti, l’Arma si avvale del Comando Carabinieri MAECI, organo posto alle dipendenze funzionali del Segretario Generale della Farnesina.

Il nuovo documento, oltre ai servizi di vigilanza e sicurezza presso le sedi diplomatiche e consolari all’estero, disciplina anche quelli di protezione e scorta svolti, nelle sedi più a rischio, dai reparti speciali della 2^ Brigata Mobile Carabinieri di Livorno a favore dei Capi Missione e del personale diplomatico.