Viterbo, Fratelli d’Italia: “No al nuovo campo profughi”

“Predisporremo un’interpellanza in Regione Lazio e interesseremo della questione anche i deputati di Fdi per capire il costo sostenuto dalla comunità per queste unità abitative che risultano noleggiate”

“Abbiamo effettuato un sopralluogo presso l’area dell’ex Fiera di Viterbo dove la Prefettura su imposizione del Governo Renzi e con il silenzio dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Michelini sta predisponendo un nuovo campo di accoglienza per immigrati. Abbiamo visto decine di moduli abitativi nuovi dislocati su una superficie di migliaia di metri quadri, dove dalle informazioni che trapelano saranno collocati centinaia di migranti”. Lo scrivono in una nota gli esponenti di Fratelli d’Italia Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, Luigi Buzzi, capogruppo in consiglio comunale Viterbo, Giuseppe Peruzzi, coordinatore Viterbo e Mauro Rotelli, dirigente nazionale.

“Il centrodestra in consiglio comunale – si legge ancora – con la richiesta di un consiglio straordinario ha tentato di stanare dall’omertoso silenzio la maggioranza di centrosinistra che sostiene la giunta Michelini, ma la stessa ha preferito lavarsene le mani e far cadere il numero legale, non esprimendosi su un tema di carattere nazionale che graverà fortemente sull’intera città”.

“Predisporremo un’interpellanza in Regione Lazio e interesseremo della questione anche i deputati di Fdi per capire il costo sostenuto dalla comunità per queste unità abitative che risultano noleggiate, e per la rete fognaria che risulta appena realizzata. Vogliamo capire quante risorse verranno investite su questo campo che dista 4 km dal centro abitato, e che porterà con sé tutte le consuete difficoltà di gestione e convivenza che ogni hub-lager per immigrati ha già dimostrato di causare alla popolazione locale”.

Per Fratelli d’Italia “è intollerabile constatare che mentre i nostri concittadini delle zone terremotate aspettano di essere collocati in strutture e moduli abitativi che possano rendere loro più agevole la vita dopo il dramma del terremoto, il Ministero dell’Interno continui a prevedere risorse sull’accoglienza che gonfiano il business dell’immigrazione. Chiediamo risposte immediate e chiare sia alla Prefettura sia al sindaco Michelini, diano risposte ai cittadini di Viterbo che devono essere messi a conoscenza di quello che sta per accadere sul loro territorio, perché si tratta dell’ennesimo campo profughi che viene paracadutato sui territori all’insaputa di tutti”.