VIDEO | Governo, a un passo dalla crisi. Salvini: “Non do ultimatum, ma basta mezze misure”

Settimana decisiva per la sorte del governo, ancora sull’orlo della crisi. Il vicepremier Matteo Salvini lancia l’ultimatum sulle autonomie, mentre aspetta che il premier Giuseppe Conte riferisca sul Russia gate. Arrivano, però, nuovo materiale dall'inchiesta Siri, l'ex sottosegretario leghista indagato per corruzione. Il servizio di Augusto Cantelmi per TG2000

Governo a un passo dalla crisi. Nessun giro di parole, Matteo Salvini questa volta lancia l’ultimatum: “Stiamo al governo solo se abbiamo la garanzia di fare cose importanti per l’Italia e gli italiani. Se qualcuno ha il freno a mano tirato andiamo avanti da soli, che non c’è tempo da perdere”.

Più tardi, nel pomeriggio, il vicepremier chiarisce: ”Non do ultimatum. Sono contento di quello che abbiamo fatto in questo anno. Ma ultimamente gli italiani hanno notato troppi ‘no’. E con i ‘no’ l’Italia non decolla. Sulla riforma della giustizia che e’ un tema fondamentale abbiamo letto una proposta troppo timida, non risolutiva da parte dei 5 Stelle”.

“C’e’ da dimezzare i tempi dei processi, c’e’ da separare le carriere, c’e’ da selezionare in maniera diversa chi va ad amministrare la giustizia – aggiunge – non e’ il momento dell’arretramento, della timidezza, delle mezze misure”.