VERSO IL VOTO | Superbonus, Conte: “Ora si sono svegliati tutti, meglio tardi che mai”

"Irresponsabile è stato piuttosto chi non ha voluto vedere quanto fosse prioritario questo intervento. Comunque meglio tardi che mai. È importante che si siano svegliati tutti”

“Attenzione! Venerdì eravamo per tutti gli irresponsabili che bloccano l’Italia. Perché? Pretendevamo di far votare in sede di conversione del decreto Aiuti bis una norma per sbloccare i cantieri Superbonus e salvare 40mila imprese con i crediti fiscali bloccati. Ora, a distanza di qualche giorno, le altre forze politiche fanno a gomitate per dire che è urgente intervenire. Quindi non eravamo noi gli irresponsabili”. Lo scrive su Facebook il leader del M5s, Giuseppe Conte, in merito al confronto in corso tra gruppi parlamentari e Governo sulla norma da inserire nel dl Aiuti bis in merito alla cessione dei crediti relativi al Superbonus.

“Irresponsabile è stato piuttosto chi non ha voluto vedere quanto fosse prioritario questo intervento. Comunque meglio tardi che mai. È importante che si siano svegliati tutti. Quel che conta è solo salvare aziende, lavoratori e famiglie”, aggiunge.

“In prospettiva – dice in un incontro organizzato dalla CNA – dobbiamo ragionare di una stabilizzazione quinquennale del superbonus e di altri bonus edilizi, partendo da un’aliquota di agevolazione uguale per tutti da incrementare a seconda della virtuosità dell’investimento, perché dobbiamo continuare a privilegiare il risparmio energetico e l’efficientamento”.