Storace (La Destra): ‘centrodestra allo sbando, spettacolo penoso’

"E’ un centrodestra allo sbando quello che ci fa assistere ad uno spettacolo penoso. Ognuno dei cosiddetti leader parla per sè e pare non capirci più nulla di quello che bisognerebbe fare. Provo a ricapitolare le forze in campo e poi i contenuti che mi piacerebbe ritrovare nell’azione politica di una coalizione che possa tornare ad essere spendibile per non ridurre il confronto a soli due compari, Renzi e Grillo". Lo scrive stamane il leader de La Destra, Francesco Storace, sul sito del partito.

"1) Forza Italia sembra ormai divisa tra tante correnti, ognuna delle quali dice di essere fedele a Berlusconi, che pero’ ormai pensa ad altro. Devono addirittura riunire i gruppi parlamentari la prossima settimana perche’ sulle riforme si registra una babele insopportabile. Ma ci vuole tanto a dire che i senatori vanno eletti e che l’immunita’ non ha alcun consenso sociale?

2) La Lega sta per fare i conti con l’ala nordista che, superate le elezioni europee, dovra’ rinchiudersi a guscio a tutela di Salvini – prosegue -. All’orizzonte c’e’ infatti una contesa interna con Flavio Tosi per le eventuali primarie del centrodestra e il sindaco di Verona intende giocarsi la carta "nazionale" e non piu’ secessionista con maggiore credibilita’ (sul tema) del pur bravo leader leghista. E comunque col 6 per cento non si dettano condizioni al resto del mondo.

3) Il Nuovo centrodestra di Alfano e troppi altri galli nel pollaio e’ al bivio: tentare la ricomposizione col centrodestra ovvero proseguire la marcia verso Renzi. La disputa rischia di diventare fratricida.

4) Fratelli d’Italia sembra aver perso l’entusiasmo iniziale dopo aver mancato – per egoismo verso La Destra – l’obiettivo del quorum europeo. Ora le voci di sottofondo raccontano di liti interne sulla ‘deriva missina’ imputata a Giorgia Meloni.

Decidano che fare: la destra non si ricostruisce da soli. Noi siamo sempre al tema proposto il 9 novembre scorso al Parco dei Principi. Se non si vuole fare la destra, resta solo il centrodestra: Forza Italia. E non è il sogno della vita".