Sottosegretario Di Stefano inaugura ‘L’Italia che funziona’, a sostegno delle imprese italiane

All’insegna della diplomazia economica, un’iniziativa – fortemente voluta da Di Stefano - che farà tappa in diverse città italiane, da Nord a Sud

Manlio Di Stefano, Sottosegretario agli Esteri in quota M5S, ha inaugurato oggi presso la Camera di Commercio di Bologna l’iniziativa denominata ‘L’Italia che funziona’, promossa dal ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal ministero dello Sviluppo Economico e da Cassa Depositi e Prestiti con la collaborazione del Sistema Camerale. Si tratta di una serie di incontri sul territorio con l’obiettivo di illustrare le riforme e gli strumenti approntati dal Governo a sostegno delle imprese italiane.

Questa iniziativa, voluta dal sottosegretario Di Stefano nell’ambito della Diplomazia Economica della Farnesina, e’ concepita per avvicinare ulteriormente il sistema istituzionale a quello imprenditoriale per l’internazionalizzazione del sistema Paese. La Diplomazia Economica italiana vale oggi l’1% del PIL nazionale, generando un valore aggiunto di 15,9 miliardi di euro e occupando 238 mila persone in Italia, con 23 miliardi di euro di ricavi per il sistema imprenditoriale.

Di Stefano ha aperto l’incontro illustrando il ruolo centrale del sistema imprenditoriale nella visione del governo e le misure adottate e in preparazione a favore delle imprese, ponendo l’accento sui servizi e l’azione di sostegno sui mercati internazionali della diplomazia economica italiana.

Al termine dell’evento ha avuto luogo un confronto aperto tra i relatori e il pubblico in sala. Gli incontri sono proseguiti alle 15 di oggi a Trento e continueranno alle 10 e alle 15 di domani rispettivamente a Venezia e Trieste, presso le sedi delle Camere di Commercio locali.

“L’Italia che funziona” nelle prossime settimane toccherà diverse città del nostro Stivale, da Nord a Sud. E’ in via di definizione il calendario degli appuntamenti.

L’iniziativa tocchera’ varie citta’ italiane, da nord a sud, nelle settimane a venire, secondo un calendario in via di definizione.