Roma, parte la scuola senza obblighi

Un nuovo modello di scuola, con metodi di studio all’avanguardia, rispettoso dell’individualità di ogni studente è ora disponibile a Roma

Scuola
Scuola

Basta zaini, basta compiti, basta voti, basta interrogazioni, basta docenti impreparati, basta mascherine, basta distanziamento, basta DAD. Roma dice basta alla scuola degli obblighi inutili aderendo al più interessante modello educativo oggi divulgato dai più importanti atenei del mondo che coniuga il Flipped & Cooperative Learning di J. Bergmann con la Comunicazione Non Violenta di Rosenberg.

Un nuovo modello di scuola, con metodi di studio all’avanguardia, rispettoso dell’individualità di ogni studente è ora disponibile a Roma e i ragazzi romani dai 6 ai 14 anni ora hanno l’opportunità di aderire a questo nuovo modello di scuola, all’avanguardia sotto molti aspetti.

Lo si potrà infatti provare per un giorno gratuitamente presso il Parco della Gratitudine per sperimentare questo nuovo approccio didattico di grande impatto emotivo. Rispettoso dei bisogni educativi speciali e della plusdotazione, il Parco della Gratitudine offre una didattica non trasmissiva che esalta l’autonomia e la creatività dalla prima primaria fino alla terza media.

Le famiglie partecipano attivamente alle scelte didattiche e si potrà entrare elasticamente al mattino tra le 8 e le 9 e uscire tra le 16 e le 17.