Roma: cinque curiosità da sapere sulla città eterna

Si comincia da un’istituzione, ovvero dal Pantheon. Poi la Fontana di Trevi, tra i monumenti più visitati della Capitale d'Italia. E poi...

Quando si parla di Roma, si fa riferimento ad una città che nasconde tantissime sorprese. Ci si trova infatti di fronte a una città millenaria e ricchissima di storia, e persino chi abita da anni a Roma può trovare tantissime curiosità sconosciute. Ecco perché oggi approfondiremo insieme alcuni degli angoli nascosti di questa metropoli, che non finisce mai di stupire.

Le cinque curiosità su Roma che in tanti ignorano

  • Si comincia da un’istituzione, ovvero dal Pantheon. In pochi, infatti, sanno che nel giorno del compleanno di Roma si illumina, regalando uno spettacolo davvero sensazionale. La luce naturale penetra infatti dal tetto illuminando in modo particolare l’Oculus, e non si tratta di un caso, considerando che gli antichi romani veneravano il dio del sole Apollo.
  • La seconda curiosità riguarda le monete gettate nella fontana di Trevi, che vengono periodicamente raccolte e donate in beneficenza. Questa è una notizia che in molti conoscono già, ma è sempre il caso di ricordarla, dato che chi getta le monete nella fontana fa del bene, oltre a poter esprimere il classicissimo desiderio. È comunque interessante scoprire qualche dato: stando alle ultime rilevazioni, la fontana accoglie in media circa 3000 dollari al giorno.
  • A proposito di fontane, in pochi sanno che Roma detiene un record particolare: nessuna città al mondo può vantare il numero di fontane della Capitale. Oltre a quelle monumentali e di interesse culturale, Roma è anche una delle città con più fontanelle potabili: i famosi Nasoni sono sparsi in tutto la Capitale, tanto che oggi esistono alcune app, come Waidy di Acea, per trovare quella più vicina dove riempire la propria borraccia o bere un sorso di acqua fresca. Ma da cosa deriva questo nome così particolare? Il termine Nasone proviene dalla tradizionale forma cilindrica di queste fonane, anche se in realtà i cilindri originali in ghisa rimasti sono soltanto 3, mentre gli altri sono più recenti.
  • Roma accoglie ben tre stati in un’unica città. Si parla ovviamente dello Stato italiano e della città del Vaticano, ai quali si aggiunge però anche il priorato di Malta, che può essere ammirato dal buco della serratura della villa dei cavalieri dell’ordine di Malta.
  • Gli amanti del junk food con una certa età conosceranno sicuramente questa curiosità: Roma è stata la prima città italiana ad ospitare un McDonald’s, nell’ormai lontano 1986. Ad ogni modo, oggi il McDonald’s di Piazza di Spagna non è il più gettonato della Capitale, dato che questo titolo spetta al punto vendita situato a Frattocchie.

In conclusione, Roma non smette mai di stupire, dato che ad ogni angolo nasconde un segreto o una curiosità. E non basterebbe una vita intera per scoprire tutte le perle che la Capitale offre, soprattutto da un punto di vista storico e culturale. Le curiosità elencate oggi, comunque, bastano per soddisfare un pizzico della voglia di conoscere meglio questa città.