QUIRINALE | Rotondi (FI): “Se Draghi va al Colle cade il governo e si vota”

“Salvini dice che Berlusconi deve sciogliere la riserva? La riserva la scioglierà quando qualcuno lo candiderà. In questa occasione io mi fido sia di Salvini sia della Meloni, non hanno nessun interesse a dire di no a Berlusconi”

Gianfranco Rotondi

Gianfranco Rotondi, vicepresidente dei deputati di Forza Italia, è intervenuto su Radio Cusano Campus e sulla partita del Quirinale ha affermato: “Berlusconi è nella storia, a dispetto di tutti quelli che vorrebbero schiodarlo. Tutti i chiodi che gli hanno piantato sono chiodi che volevano schiodarlo dalla storia, invece lo hanno reso eterno”.

“L’Italia crede nella funzione riabilitativa della condanna. Berlusconi è stato riabilitato dopo aver scontato la condanna. Avere un presidente riabilitato sarebbe la conferma che il sistema funziona”.

“Salvini dice che Berlusconi deve sciogliere la riserva? La riserva la scioglierà quando qualcuno lo candiderà. In questa occasione io mi fido sia di Salvini sia della Meloni, non hanno nessun interesse a dire di no a Berlusconi. Se Berlusconi va al Quirinale, si cambia completamente il sentiment del Paese e la vittoria del centrodestra alle prossime elezioni a quel punto sarebbe scontata. Draghi? Se andasse al Quirinale verrebbe giù il governo e si andrebbe al voto in piena pandemia, probabilmente Draghi resterà imbullonato al governo”.

Sull’indiscrezione legata a Sgarbi e Berlusconi a caccia di ‘peones’: “A me non risulta nessuna telefonata di Berlusconi” ha affermato Rotondi.