Lavoro, Rizzo (PC): “Disoccupazione alle stelle, ma il governo Draghi continua ad essere pompato dalla stampa”

“Bisognerebbe pensare ad un modello di società con una piena occupazione, in cui si lavora meno ma si lavora tutti e si vive tutti meglio”

Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista, è intervenuto su Radio Cusano Campus e sul lavoro ha affermato: “C’è un disagio dei lavoratori legato ai temi sociali, ma anche a quelli internazionali. Le scelte sbagliate in politica internazionale hanno una ricaduta immediata sulle vicende del nostro Paese”.

“Ad esempio la guerra in Afghanistan è costata 9 miliardi di euro all’Italia, sono morti 55 soldati italiani, e dopo 20 anni in Afghanistan ci sono di nuovo i Talebani. Pensate a quante iniziative per il lavoro si potevano fare con 9 miliardi di euro. Gli italiani lavorano di più e guadagnano molto meno rispetto ai tedeschi”.

“Il dato della disoccupazione giovanile in Italia ha superato quello della Grecia. Il governo Draghi viene pompato dalla stampa, viene definito come il governo dei migliori, io lo avevo detto già all’inizio che era difficile che un banchiere potesse fare gli interessi del popolo italiano. I tempi di lavoro per produrre le cose che ci circondano diminuiranno sempre di più. Qualsiasi start-up che arriverà farà diminuire i tempi di lavoro, questo significa che ci sarà sempre meno lavoro”.

“Bisognerebbe pensare ad un modello di società con una piena occupazione, in cui si lavora meno ma si lavora tutti e si vive tutti meglio. Con la conformazione idrogeologica del nostro Paese servirebbe un enorme piano di manutenzione, è un lavoro enorme che darebbe occupazione a centinaia di migliaia di persone, sommati nel tempo questi lavori porterebbero il nostro Paese a risparmiare soldi rispetto a riparazioni che vengono fatte dopo i disastri che comportano anche un costo in termini di vite umane”.