Italiani positivi al Covid bloccati all’aeroporto di Helsinki. Chiamano la Farnesina per assistenza, ma nessuno risponde

La madre di uno dei ragazzi ha dichiarato di aver chiamato invano la Farnesina per ore senza ricevere alcuna risposta

Farnesina tricolore

Augusta Montaruli (Fdi) chiede al ministro degli Esteri se si sia avuto riscontro dell’episodio di due ragazzi italiani risultati positivi al Covid nell’aeroporto di Helsinki e che sarebbero stati chiusi in una toilette dello scalo con il supporto solo di alcune bottigliette d’acqua e un paio di sedie. 

La parlamentare di Fratelli d’Italia chiede a Luigi Di Maio “quali urgenti provvedimenti intenda attivare per garantire ai nostri connazionali all’estero risultati positivi al Covid un trattamento della quarantena dignitoso e rispettoso della persona e del diritto alla salute privata e pubblica”, spiegando che “tale episodio, se confermato, rappresenta un trattamento non dignitoso della persona in violazione peraltro a giudizio della scrivente anche del diritto alla salute privata e pubblica e alla cura”. 

“La madre di uno dei ragazzi – scrive Montaruli – ha dichiarato di aver chiamato invano la Farnesina per ore senza ricevere alcuna risposta”.