Ingroia: “Grasso? Sua leadership costruita a tavolino”

“La sua storia dice che non è un uomo di sinistra. Diventò procuratore nazionale antimafia per una legge ad personam di Berlusconi contro Caselli”

Antonio Ingroia, a Radio Cusano Campus, sulla candidatura di Pietro Grasso: “Non è tutt’oro quel che luccica –ha affermato Ingroia-. Noi siamo molto critici nei confronti del progetto politico che è nato da questa fusione a freddo tra MDP, SI e Possibile e che ha prodotto questa leadership costruita in laboratorio a tavolino. La nostra idea, come Mossa del cavallo e Lista del popolo, è che è finito il tempo dei professionisti della politica che costruiscono i leader in laboratorio. E’ il momento in cui, di fronte all’astensionismo che è il primo partito del Paese, bisogna cambiare metodo, bisogna cambiare persone”.

“Con tutto il rispetto del collega Grasso, lui non è una faccia nuova e ci vogliono facce nuove. E’ un movimento che vuole unire la sinistra e questo è già sbagliato e perdente in partenza. Gli italiani non vogliono più sentire parlare di sinistra e destra. La gente ne ha piene le tasche di sinistra che è sinistra solo apparente. L’assemblea è stata solo apparente, si è fatta solo per applaudire una scelta che era già stata presa a tavolino. Grasso è stato un magistrato di grande esperienza, coraggio, capacità professionali, ma bisogna ricordarsi che è diventato procuratore nazionale antimafia per una legge ad personam di Berlusconi per impedire a Caselli di ricoprire quel ruolo e lo stesso Grasso in un’intervista disse che il governo Berlusconi meritava una menzione speciale per la sua attività antimafia”.

“Pietro Grasso non è di sinistra, non lo è stato nelle sue contiguità con la politica. Anche quando Castelli fu nominato procuratore di Palermo, Grasso era il candidato dell’allora ministro della giustizia Martelli, quindi non aveva una posizione di sinistra sinistra. Poi è stato sostenuto dal governo Berlusconi contro Castelli. Non volle sottoscrivere l’appello della procura di Palermo contro l’assoluzione di Andreotti in primo grado. E’ stato molto cauto e prudente su trattativa Stato-mafia e l’inchiesta Dell’Utri, legittimamente, ma possiamo dire che è stato un magistrato cauto”.

Sulla candidabilità dei magistrati. “Penso sia sbagliato precludere ai magistrati la possibilità di candidarsi, semmai dovrebbe essere vietato il loro ritorno in magistratura dopo aver fatto politica” ha dichiarato Ingroia.