Eolie flagellate dal maltempo, lunedì scuole chiuse a Siracusa e Napoli

Per il secondo giorno consecutivo i collegamenti marittimi sono interrotti a causa delle condizione meteo e del forte vento. Una violenta mareggiata ieri sera ha colpito in particolare la frazione di Canneto a Lipari

In questa fredda domenica di febbraio diverse sono le zone dell’Italia colpite dal maltempo. Ieri in Sicilia le Eolie sono state flagellate dal vento, che ha causato forti mareggiate, e da tempeste di neve.

Per il secondo giorno consecutivo i collegamenti marittimi sono interrotti a causa delle condizione meteo e del forte vento. Una violenta mareggiata ieri sera ha colpito in particolare la frazione di Canneto a Lipari: le strade sono state allagate e alcune abitazioni danneggiate dalla furia delle onde.

I vigili del fuoco e i volontari della Protezione civile sono dovuti intervenire anche con le ruspe per ripulire tutto il lungomare da terriccio e sabbia. Anche ad Acquacalda la violenza del mare ha raggiunto l’abitato di San Gaetano.

Sempre in Sicilia, forte vento a Siracusa. Venti forti e di burrasca e possibili mareggiate. Il Servizio di Protezione Civile ha informato i siracusani sulle cattive condizioni meteo invitando ad evitare gli spostamenti. Decine gli interventi nel capoluogo ed in tutta la provincia. Pali dell’Enel abbattuti hanno lasciato senza energia elettrica alcune zone. Al pronto soccorso dell’ospedale “Umberto I” il vento ha sradicato il tetto di protezione utilizzato dalle ambulanze e strappato nella frazione di Belvedere il telone di copertura del pallone tensostatico.

Nella zona sud della provincia, allagata la Balata di Marzamemi (Pachino), con raffiche di grecale che sfioravano i 47 km orari. Danni alle coltivazioni, ma per la verifica concreta occorrera’ attendere che la situazione torni alla normalita’.

Numerosi anche gli interventi dei carabinieri per aiutare automobilisti in difficolta’ a causa della neve caduta in abbondanza nelle zone montane. In particolare una pattuglia ha soccorso sulla strada provinciale 9 Sortino Carlentini un pulmino in panne che trasportava alcun disabili.

A causa del forte vento le scuole di ogni ordine e grado a Siracusa domani rimarranno chiuse, in via precauzionale, per consentire un controllo di sicurezza degli spazi scolastici da parte dei tecnici comunali. Intanto il sindaco Francesco Italia ha attivato il “Centro Operativo Comunale” per far monitorare e gestire l’emergenza meteo in corso sulla citta’ di Siracusa. I tecnici comunali e le forze di protezione civile sono operativi da stanotte su tutto il territorio comunale, dove e’ in corso lo sgombero delle carreggiate ostruite da alberi caduti e detriti trascinati dal maltempo. Le intense raffiche di vento delle ultime ore hanno danneggiato anche i pannelli della pensilina dello stadio, pertanto per motivi di sicurezza la partita in calendario oggi e’ stata rinviata.

Stop anche domani per le scuole e i parchi di Napoli, dopo la chiusura di ieri: lo ha deciso il comitato operativo, presieduto dal sindaco Luigi de Magistris, riunito in permanenza da circa 48 ore per affrontare l’emergenza maltempo. Le condizioni meteo sono migliorate ma la chiusura di lunedi’ servira’ per le verifiche di sicurezza su alberi ed edifici.