Comunali, Forza Italia primo partito del centrodestra

AppleMark

Il centrodestra ottiene un buon risultato a Milano, ma soffre a Roma dove Giorgia Meloni non riesce ad arrivare al ballottaggio. Forza Italia c’è e Silvio Berlusconi muove ancora tanti voti. L’uomo di Arcore ha fatto sapere nelle ultime ore che al ballottaggio voterà scheda bianca. In una nota targata Fi si legge: "Il Presidente Berlusconi, residente a Roma, al ballottaggio si recherà  a votare, e voterà  scheda bianca, per sottolineare l’inadeguatezza di entrambe le proposte politiche ma anche, di fronte al drammatico astensionismo, l’importanza di esercitare sempre e comunque il diritto di voto".

Che farà Forza Italia al ballottaggio? Quali candidati sosterrà? La risposta nella stessa comunicazione del partito: “Escludiamo ogni ipotesi di sostegno al ballottaggio ai candidati del centrosinistra, anche quando si trovino a competere con i candidati del Movimento Cinque Stelle, come a Roma e a Torino".

Nella  nota si commentano poi i risultati del primo turno delle comunali: "Il bilancio complessivo di queste elezioni, pur con luci ed ombre, ci vede soddisfatti. Forza Italia si conferma il primo partito della coalizione di centrodestra, pur tenendo conto del fatto che le liste civiche drenano voti soprattutto a noi e che storicamente le comunali sono le elezioni meno favorevoli al nostro voto di lista".
Lucio Malan, senatore azzurro, dà molta importanza al fatto che Fi sia il primo partito del centrodestra, soprattutto “dopo certe asprezze all’interno di quella che noi consideriamo sempre una coalizione, perché tale la considerano i nostri elettori che vogliono un’alternativa vincente ai due grandi mali del nostro Paese: Renzi e Grillo”.

Malan continua: "Il movimento guidato da Silvio Berlusconi è primo nel centro destra in 11 capoluoghi di provincia di cui 4 capoluoghi di regione. Le liste di Matteo Salvini prevalgono in 9 capoluoghi di provincia di cui 2 sono anche capoluoghi regionali, mentre il movimento di Giorgia Meloni è primo solo a Roma. Ora dobbiamo lavorare per i ballottaggi, e poi sul vitale referendum costituzionale e alla ricostruzione del centro destra vincente”.