Castelli (M5S): “Giorgetti? Solo parole da campagna elettorale”

“A lui piace scherzare anche se a volte è fuori luogo. Dopo le elezioni si andrà avanti come prima con questo contratto di governo”

Il vice ministro dell’Economia Laura Castelli (M5S) sui battibecchi con la Lega parlando a Radio Cusano Campus ha detto: “Noi continuiamo a discutere sui temi – ha affermato Castelli -. Lo abbiamo fatto fin dall’inizio. Questo governo, che nasce con un contratto, ha come obiettivo di far confrontare i cittadini sui temi. Poi purtroppo la campagna elettorale quante volte esaspera i toni, ma si parla di temi, si parla di che cosa ne pensano i cittadini di una cosa piuttosto che un’altra. Ogni volta che esce fuori un tema bisogna confrontarsi e ognuno si può fare la propria idea. Quello che penso succederà dopo è che si andrà avanti con questo contratto di governo che è stato fatto già in parte sostanziosa, ma bisogna concluderlo e ci sono tutte le condizioni per farlo perché è un metodo di lavoro che quest’anno ha funzionato e proseguiremo così”.

Sulle dichiarazioni di Giorgetti (“Così non si va avanti, verrà la grandine e i deboli cadranno”).

“Penso che siano soltanto parole da campagna elettorale. In alcuni casi sono parole esageratamente scherzose o in qualche modo fuori luogo. Magari è stanchezza da campagna elettorale. Giorgetti è una persona molto simpatica che fa molte battute, quindi non penso ci si debba preoccupare”.

Sulle parole di Tria riguardo la cancellazione degli 80 euro. “Spero che Tria intendesse che non toccheremo mai l’effetto di quegli 80 euro sulle persone. Ci può essere una riorganizzazione di tutte le tax expenditure e le detrazioni fiscali, fermo restando l’effetto che la gente ha vissuto. Ricordo che quella misura costa moltissimo e esclude moltissime categorie di persone, come pensionati, liberi professionisti e imprenditori. Addirittura alcune persone l’hanno percepito e poi l’hanno dovuto restituire. Mi auguro che Tria volesse dire questo, perché l’effetto degli 80 euro sugli italiani non sarà mai toccato”.

Su decreto crescita e sblocca-cantieri. “Sullo sblocca cantieri il lavoro è un po’ più rapido. Il Senato ha lavorato in questi giorni e dovremmo riuscire a chiuderlo in commissione nei primi giorni della prossima settimana. Sempre la prossima settimana la Camera comincerà sul decreto crescita. Sono due decreti molto importanti che in questi ultimi mesi sono stati apprezzati dal mondo dell’imprenditoria”.