CASO REGENI | Sottosegretario Della Vedova: “Raggiungere la verità è la nostra priorità assoluta”

E sui vaccini: “Chi sceglie di non vaccinarsi, pur potendolo fare, deve sapere che potra' andare incontro a restrizioni perche' il suo comportamento mette a rischio la salute propria e quella degli altri"

Benedetto Della Vedova (foto imagoeconomica)

In merito all’Egitto “la nostra priorità assoluta è raggiungere la verità e ottenere risultati definitivi sul caso Regeni, a ormai 5 anni dalla sua brutale uccisione”. Lo ha detto Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri, parlando in audizione nel Comitato permanente sui diritti umani nel mondo, istituito presso la Commissione Esteri alla Camera, in merito all’impegno dell’Italia per la tutela dei diritti umani nel mondo.

Per quanto riguarda la Siria, “da oltre un decennio la popolazione subisce un conflitto brutale, con violazioni dei diritti umani sistematiche e decine di migliaia di civili detenuti arbitrariamente. Al riguardo l’Italia continua a sostenere il lavoro della commissione d’inchiesta” e del “meccanismo internazionale imparziale e indipendente per la Siria”, al fine di assicurare che i crimini commessi “vengano puniti”.

In merito allo Yemen “crediamo fermamente alla necessità di assicurare la responsabilità per tutte le violazioni e gli abusi dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commessi da tutte le parti in conflitto. Continuiamo quindi a sostenere il lavoro del gruppo di eminenti esperti internazionali e regionali e della commissione nazionale d’inchiesta”.

“LEADER DI DESTRA IPOCRITI SU DIFESA LIBERTÀ”

“Sono soddisfatto nel vedere leader della destra battersi come non avevo mai visto per le liberta’ personali delle minoranze. Spero che d’ora in poi valga per tutte le liberta’ e per tutte le minoranze, e non che il loro sia solo un modo per lisciare il pelo ai NoVax complottisti”. Lo ha detto a Coffee Break su La7 il segretario di Piu’ Europa e sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova. “La vaccinazione di massa e’ al servizio della liberta’ di tutti. Chi sceglie di non vaccinarsi, pur potendolo fare, deve sapere che potra’ andare incontro a restrizioni perche’ il suo comportamento mette a rischio la salute propria e quella degli altri”.