Bersani: “Apertura di Renzi? Ridicolo parlare di coalizione con questa legge elettorale”

“Perché ognuno va con il suo simbolo e poi fa finta di apparentarsi, ma il giorno dopo è assolutamente libero di fare quello che vuole”

Pierluigi Bersani, Mdp

Pier Luigi Bersani, leader di Mdp, commentando l’apertura al centrosinistra ipotizzata dal segretario del Pd, Matteo Renzi, taglia corto: – “Le chiacchiere stanno a zero, perché c’era la possibilità di fare una cosa seria, ma con un’altra legge elettorale”. “Invece di fare chiacchiere si dica prima di tutto se si è disposti a dire che quello che si è fatto fino a qui non va bene, perché con meno di questo non è possibile fermare la destra”.

Bersani non ha più alcuna voglia di sentir parlare di alleanza con il Pd, anche perché sarebbe una presa in giro. Secondo l’ex segretario dem “questa legge elettorale non è nè carne né pesce, è un aborto di legge elettorale che non è né maggioritario di coalizione, né un proporzionale puro, con una lista di nominati incredibile e quindi con un distacco ulteriore tra cittadini e istituzioni”.

E’ per questi motivi che, sottolinea Bersani, “parlare di alleanze e coalizione in un contesto così e con una legge elettorale del genere è una cosa ridicola, perché ognuno va con il suo simbolo e poi fa finta di apparentarsi, ma il giorno dopo è assolutamente libero di fare quello che vuole”.