Berlusconi, “vogliamo mantenere gli impegni presi dall’Italia con l’Europa”

E sulla Costituzione: “Va riformata su alcuni punti, a partire dall'elezione diretta del presidente della Repubblica e dal vincolo di mandato”

Silvio Berlusconi, ospite a Radio 24 Mattino, parla tra le altre cose delle regionali del Lazio: “Oggi riprenderemo a parlare anche sul Lazio. Sarà qualcosa che decideremo insieme agli altri nelle prossime ore”. “Io credo che le regioni italiane meritano piu’ autonomia e con il centrodestra al governo si andra’ in questa direzione”.

Rispetto al tetto del 3% nel rapporto deficit/Pil “dipende dall’andamento della nostra economia se mantenerlo o no: superare il 3% non è scandaloso, ma io preferisco rispettare gli impegni con l’Europa, finchè possibile”. Con Matteo Salvini, ha sostenuto Berlusconi, “abbiamo detto la stessa cosa”, “io ho detto che probabilmente è sbagliato ma se possibile lo manterremo”. Insomma, “abbiamo intenzione di mantenere gli impegni assunti dall’Italia nei confronti dell’Europa”, compreso il parametro del 3 per cento, “sempre che sia possibile”.

Flat tax: “L’aliquota dipendera’ dalla compatibilita’ dei conti pubblici. La flat tax non peggiora i conti pubblici, ma li migliora perche’ aumenta il gettito”. Lotta all’evasione: “Vedremo se aumentare le pene per chi vuole svicolare dalla correttezza fiscale”.

Riformare la Costituzione: “Noi abbiamo respinto l’ipotesi di riforma costituzionale fatta da Renzi perche’ la ritenevano pericolosa, ma abbiano sempre detto che la Costituzione va riformata su alcuni punti, a partire dall’elezione diretta del presidente della Repubblica e dal vincolo di mandato”.