Attivisti e M5S nudi al Senato: no voto segreto su Berlusconi

Nudi o quasi, ad eccezione della biancheria intima, in piazza delle Cinque Lune, a due passi dall’ingresso principale del Senato per dire no al voto segreto dell’Aula di palazzo Madama sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore.

Protagonisti del flashmob gli attivisti dell’organizzazione Avaaz e alcuni militanti grillini tra cui il senatore Vincenzo Santangelo, membro della Giunta per il regolamento, che discuterà oggi della possibilità del voto segreto, come previsto dal regolamento di Palazzo Madama, o palese.

Gli attivisti hanno consegnato al Senato una petizione firmata da 81.324 cittadini perché, ha spiegato Luca Nicotra, "non solo in questo caso, per Berlusconi, ma anche per qualunque altro senatore il voto su un’eventuale decadenza sia palese e non più segreto". "I tempi? – ha osservato il senatore Santangelo – tutto si può fare se c’è la volontà politica".

La performance è consistita nell’esibizione, da parte degli attivisti semi nudi, di alcuni cartelli con scritto: "Non abbiamo niente da nascondere, e tu senatore? Stop al voto segreto", "Berlusconi fuori subito".