Italiani all’estero, volano schiaffi nel Pd sul caso Turano

Il Pd Canada si dissocia dall’emendamento Turano che puntava a recuperare milioni di euro per un torneo di golf da giocare in Italia. Tuttavia nella nota Pd si legge “quell’emendamento era avallato dal partito”. E allora?

SOTTO ATTACCO Renato Turano, senatore Pd eletto nel Nord e Centro America

Ve lo ricordate l’emendamento Turano, teso a recuperare un centinaio di milioni di euro per un torneo di golf in Italia? Ne abbiamo parlato nei giorni scorsi su ItaliaChiamaItalia e lo abbiamo anche commentato a modo nostro. Ebbene, quell’emendamento non è piaciuto nemmeno a chi del partito di Turano, il Partito Democratico, fa parte.

Il Pd Canada, in una nota diffusa nelle scorse ore, ritiene “doveroso dissociarsi dal tentativo di far approvare dal Senato della Repubblica un emendamento che niente aveva a che fare con il cosiddetto Decreto Salva Banche”. Il riferimento è alla Ryder Cup, appunto, torneo di golf da giocare nel BelPaese.

“Come a tutti noto”, scrive il Pd Canada, “l’emendamento in questione, a prima firma del senatore Renato Turano, è stato opportunamente dichiarato inammissibile dal presidente Pietro Grasso. Il Pd Canada, affrontando il merito dell’emendamento e condividendo la dichiarazione di non ammissibilità del Presidente del Senato, ritiene di dover sottolineare la non opportunità che lo Stato si faccia garante, con lo strumento della fideiussione, della somma di 97 milioni di euro a favore di una manifestazione sportiva elitaria, in un momento di estrema difficoltà nel far fronte all’emergenza terremoto”.

Il Pd Canada, dunque, prende le distanze dall’iniziativa del senatore Turano. E possibilmente dietro quella sigla – Pd Canada – c’è anche l’On. Francesca La Marca, deputata Pd eletta come Turano nel Nord e Centro America e residente proprio in terra canadese. Fuoco amico in campo Pd.

La nota del Pd Canada conclude con un desiderio: “Turano stesso si dissoci in tempi brevi dall’emendamento che porta la sua firma e che, certamente, è stato avallato dal partito stesso“. Cioè, quell’emendamento è stato avallato dal partito, per giunta? Peggio mi sento! La speranza del Pd Canada che Turano possa dissociarsi da un emendamento che porta la sua firma è molto vana. Se poi quell’emendamento addirittura “è stato avallato dal partito stesso”, perché il senatore Turano dovrebbe farlo?

In realtà, leggendo con attenzione la nota del Pd, viene quasi da pensare che al posto di metterci una pezza dal Canada abbiano allargato lo strappo.

NESSUN COMMENTO

Comments