Vino italiano sempre più amato in Russia e Cina

Il segno meno arriva invece dai paesi anglosassoni con gli Usa stretti nella morsa del Covid e la Gran Bretagna con le vicende legate alla Brexit

Più 4% è il dato delle esportazioni di vino italiano per il 2021. Lo testimonia un’analisi di Coldiretti pubblicata dal Giornale di Brescia nell’edizione del weekend – dove viene specificato che la Russia ha fatto registrare un +32% ed anche in Francia il Made in Italy ha segnato +12,5%.

Il segno meno arriva invece dai paesi anglosassoni con gli Usa stretti nella morsa del Covid e la Gran Bretagna con le vicende legate alla Brexit.

Dalla Cina arrivano invece ulteriori indicazioni positive visto che siamo al +75% negli acquisti di vino italiano. Riparte l’export. La ripresa complessiva delle esportazioni è accompagnata dalla crescita dei consumi interni con un aumento record degli acquisti domestici di vini e spumanti del 21,3% nel primo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’ anno precedente, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea. Il risultato è un aumento del fatturato che è stimato dalla Coldiretti pari a 11 miliardi di euro nel 2021.