Riforme, Brunetta (Fi): Renzi ha barato, ora nulla sarà più come prima

"Al posto di Renzi non starei cosi’ sereno sull’autosufficienza della sua maggioranza. Ricordo ancora le graziose telefonate del ministro Boschi che un anno fa si raccomandava con me sulla tenuta dei nostri 70 voti. E noi abbiamo tenuto, molto meno il suo Pd". Cosi’ Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, in un’intervista a La Stampa.

"Con l’elezione del capo dello Stato Renzi ha barato e dovra’ cavarsela da solo perche’ Fi fara’ opposizione a 360 gradi insieme a tutte le altre opposizioni", aggiunge Brunetta per il quale "una volta saltato il patto del Nazareno nulla sara’ piu’ come prima, anche sulle riforme sulle quali avevamo numerose riserve ma hanno avuto il nostro consenso perche’ c’era l’obiettivo finale di un capo dello Stato condiviso. Ora Fi si riprende la sua liberta’ di giudizio".

Comunque, "il lavoro parlamentare non e’ ostruzionismo. Non sara’ una passeggiata per il governo che pensa di chiudere la riforma costituzionale entro sabato. La gente ride delle scadenze di Renzi: voleva chiudere la riforma entro il 23 dicembre e sappiamo come e’ andata a finire. Anche il Jobs Act doveva entrare in vigore il primo di gennaio. Che fine ha fatto?".

Gli elettori capiranno che non votate piu’ le riforme perche’ al Quirinale c’e’ Mattarella? "L’ultimo sondaggio della Ghisleri dice che il 98% degli elettori di Forza Italia approva lo strappo di Berlusconi. Abbiamo sbagliato a fidarci di Renzi: ha barato ma le volpi prima o poi finiscono in pellicceria".

"In Forza Italia la linea la definisce il presidente Berlusconi dopo avere ascoltato tutti. Questo e’ il metodo e Fitto lo sa bene". Dopo l’incontro di Berlusconi con Salvini, secondo Brunetta "il grande obiettivo di Berlusconi e’ di ricostruire il centrodestra che viene dato a 4-5 punti dal centrosinistra. Ci devono stare tutti: nessuno deve porre veti ma ci devono essere segnali forti e intelligenti anche da parte di Ncd. Quanto alla leadership, a definirla e’ il popolo. Berlusconi e’ il leader che da 20 anni prende piu’ voti di tutti. Ancora oggi ha la forza di esercitare questa leadership come sta dimostrando in queste ore, chiudendo una fase e aprendone una nuova", conclude Brunetta.