Pd, Civati: vincerò, sono più libero di Renzi

"Non bisogna avere paura di cambiare l’esistente e non bisogna necessariamente piacere a tutti". Lo ha detto Giuseppe Civati, riferendosi a Matteo Renzi, aprendo la campagna per la sua candidatura alle primarie del Pd.

Il parlamentare del Pd ha attaccato il governo delle larghe intese sottolineando che "non e’ ammissibile che non si debba sapere quanto debba durare questa situazione politicamente anomala".

Civati ha preso le distanze dal centro di Casini e di Monti sostenendo che "un accordo con loro non porta da nessuna parte. Non possiamo – ha sottolineato – abbracciare Gasparri solo perche’ siamo tecnicamente alleati con il Pdl, ne possiamo aspettare l’ultima dichiarazione di Brunetta per capire cosa il Pd deve fare".

Riferendosi al suo antagonista principale alle primarie, Matteo Renzi, Civati ha detto di "non capire come vuole organizzare il partito". "Sono molto piu’ libero di lui, come anche da Cuperlo – ha concluso – e anche piu’ spensierato perche’ non sono condizionato dalle persone politiche che li circondano".