L’inventore delle elezioni canine: “Finalmente potremo votare per dei cani veri”

“Ci stiamo divertendo un pochino con questa iniziativa nata proprio per scherzo, per divertimento. Quando abbiamo lanciato l’iniziativa avevamo bevuto un po’”

Un’associazione cinofila di Marcallo con Casone, vicino Milano, guidata da Michele Caricato, ha deciso di creare la prima campagna elettorale canina dʼItalia presentando tre cani: Juno (il progressista), Krey (il conservatore) e Letsim (il moderato). E proprio l’istruttore cinofilo Michele Caricato è intervenuto a “Un Giorno da Ascoltare” con Arianna Caramanti e Misa Urbano su Radio Cusano Campus.

“Ci stiamo divertendo un pochino con questa iniziativa nata proprio per scherzo, per divertimento – ha spiegato Caricato – e qui a Milano c’è l’associazione che riunisce gli istruttori cinofili e quindi ci ritroviamo spesso a discutere fra noi sull’addestramento più adatto per un cane: ci siamo divertiti ad osservare questi tre cani diversi e la cosa bella è che questo programma elettorale che abbiamo creato in effetti è così”.

“Ogni cane ha il suo carattere, la sua particolarità e se si esaminano bene ci si rende conto immediatamente di queste loro caratteristiche; ad esempio Krey, essendo un pastore australiano, è molto dedito al lavoro e si impegna in maniera rigorosa sul campo, Letsim invece appena può corre, se ne va in piscina e ama fare attività. Juno invece adora andare in giro a socializzare e quando ci siamo resi conto di ciò, abbiamo iniziato a tirar giù un programma che, per quanto possa essere divertente, è anche molto reale. La cosa più bella è che, nonostante loro siano così diversi, convivono tranquillamente e nessuno di loro giudica l’altro per la diversità”.

“Loro sono i candidati principali, ma poi abbiamo bisogno di allargare la lista, quindi chi vuole può proporre il proprio cane tranquillamente. Questa iniziativa è partita per scherzare tra noi istruttori cinofili, per rilassarci un po’ perché noi del mestiere tendiamo a volte a prenderci troppo sul serio non pensando che anche i cani si vogliono svagare; è partita dall’interno ma poi ha fatto il giro del web e devo ammettere che quando è stata lanciata l’iniziativa attraverso i social con “Dog Election Day”, avevamo bevuto un po’”. Finalmente potremo votare per dei cani veri? Sì” ha scherzato Caricato.