Lapo Elkann simula sequestro a New York, arrestato e rilasciato

Sperava di ottenere 10mila dollari dalla famiglia. Aveva finito i contanti dopo due giorni a base di alcol e droga, in compagnia di una transessuale

Lapo Elkann e’ stato arrestato e poi rilasciato dalla polizia di New York per aver simulato di aver subito un rapimento. Lo riportano diversi media Usa, tra cui il Daily Beast e il New York Daily News. Secondo le testate, che riportano fonti di polizia, Elkann avrebbe simulato il rapimento per ottenere dalla famiglia 10 mila dollari come “riscatto”.

Il rampollo della famiglia Agnelli e imprenditore nel mondo della moda avrebbe inscenato il rapimento perchè rimasto a corto di denaro, dopo aver trascorso – in un appartamento sulla East 28th Street a Manhattan – due giorni di eccessi a base di alcol e droga, in compagnia di una transessuale 29enne, contattata al suo arrivo a New York, giovedì scorso per la Festa del Ringraziamento. L’accusa e’ di falsa denuncia.

“Nulla da commentare, nulla da aggiungere alle notizie uscite”. Cosi’ i collaboratori di Lapo Elkann in Italia interpellati sulla notizia dell’arresto e del successivo rilascio dell’imprenditore torinese negli Usa.

Lapo a quanto pare non intende cambiare stile di vita. Ancora eccessi, ancora bugie. Perché, Lapo? Ormai pare sia diventata una malattia. Al rampollo Fiat farebbe bene un annetto in un centro di recupero tossicodipendenti. Chissà che intenzioni ha la sua famiglia.