La Pasqua in romanesco

“C’è un solo salame, ‘a corallina. E si nun è lungo armeno 'na metrata, vor dì che c’hai un problema in famija”. Da leggere

“C’era una volta un gallo che a Pasqua vide le uova tutte colorate. Allora andò dal pavone e lo ammazzò”. (Giobbe Covatta)

“Pensieri di un gallo. Si avvicina la Pasqua. Se penso all’agnello, mi si accappona la pelle”. (Carlo Gragnani, economista italiano)

“O nelle Palme o nelle uova” [vale a dire “o piove in questo giorno (Domenica delle Palme) o nella Domenica di Pasqua”] (detto popolare)

“Pasqua è una grandissima rottura di uova” (Andrea G. Pinketts, scrittore e giornalista italiano)

“La vita è come una sorpresa dell’uovo di Pasqua: ti aspetti una serie di meraviglie e ti arrivano solo portachiavi” (RudyZerbi, personaggio televisivo italiano)

PASQUA IN ROMANESCO

Dal mio amico Enrico, patron della storica (1912) osteria del Grottino, ricevo “er decalogo de Pasqua”. Ecco le due prime regole e via via le altre. 1. ‘A colazione de Pasqua se fa alle 9 perché, a pranzo, s’arimagna. Er brunc t’ ‘o fai fori de’ raccordo. 2. ‘A frittata se fa’, rigorosamente, colla mentuccia. Si nun conosci ‘a differenza, hai da torna’ a scola.

CORATELLA E ABBACCHIO

  • Diffida de chi nun vole ‘a coratella de prima mattina, de solito rompe er cazzo anche a pranzo e a cena. 4. ‘E testarelle d’abbacchio nun se magnano, se sporpano.

UOVA SODE E CARCIOFI

  • Le ova sode se fanno pure si nun se le magna nessuno. E’ tradizzione. 6. Li carciofi li poi fa’ alla romana, alla giudia o ammischiati colla carne. Li carciofini sott’olio dalli ar cane.

CORALLINA E NIENTE COLOMBA

  • C’è un solo salame, ‘a corallina. E si nun è lungo armeno ‘na metrata, vor dì che c’hai un problema in famija. 8. ‘A colomba è robba der Nord. A Roma er salame se accompagna colla pizza cresciuta.

VINO, SÌ! E PASQUA CON CHI VUOI? BOH…

  • Va bene er caffè, va bene er latte cardo, ma ora, pe’ piacere, passame er vino. 10. Chi dice: “Pasqua con chi vuoi” è stato adottato.