Elezioni, italiani così stufi dei partiti che si prestano a qualsiasi nefandezza – di Leonardo Cecca

Le elezioni comunali hanno dimostrato in modo inequivocabile quattro cose: 1 . Gli italiani sono stufi di seguire politici azzeccagarbugli che pensano solo al proprio tornaconto, a quello degli amici ed a quello del partito e che, pertanto, si prestano a qualsiasi nefandezza; 2. Napoli ha dimostrato che preferisce continuare a vivere tra le montagne di monnezza; 3. Roma ha preferito alla soluzione del problema spazzatura le esilaranti cure della prima urina consigliate dal luminare Grillo; 4 Milano ha scelto il corretto Sala, avvezzo a scordarsi di denunciare alcuni suoi beni, dimenticanza bene accettata e digerita da chi è schizzinoso nei confronti della parte avversa.

Alla fine non c’è da meravigliarsi più di tanto: non siamo forse il popolo che ha osannato e continua a pendere dalle labbra di Napolitano, che ha subito supinamente tre suoi nefasti governi e ha fatto finta di nulla sul tanto chiacchierato ribaltone? Ebbene, godiamoci il triste spettacolo che va in scena con i nostri soldi.