Italiani nel mondo, Il Maie lavora anche d’estate

Una intensa attività ha impegnato questa settimana il Presidente del MAIE, On. Ricardo Merlo, nella sua azione di far conciliare idee e realtà nella difesa dei diritti e degli interessi degli italiani all’estero, attraverso l’unico movimento politico, il MAIE, a questo scopo fondato e che oggi si distingue nella politica italiana.

L’On. Merlo lo scorso mercoledì ha partecipato ad una riunione straordinaria convocata dal Comites di Buenos Aires, a cui era presente un nutrito pubblico composto dai Consiglieri e dal Presidente del Comites e dai membri delle Associazioni italiane d’Argentina. Merlo ha spiegato l’attuale situazione politica in Italia: ha detto che il nostro Paese sta attraversando momenti difficili, che non riguardano solo i residenti nel nostro paese, colpiti da una cattiva gestione economica, ma anche gli italiani all’estero.

Il venerdì sera, poi, nel Consiglio Deliberante del dipartimento di Godoy Cruz, in Provincia di Mendoza, Merlo ha partecipato alla tavola rotonda per la presentazione del libro “Antonio Tomba, un emigrante di Valdagno, alla conquista dell’ Argentina”, il cui autore è nota personalità di Valdagno, (Vicenza), Giorgio Trivelli: il libro è stato pubblicato nel 2007 e tradotto in spagnolo grazie al CAVA, Comitato delle Associazioni Venete in Argentina, e alla Municipalità di Godoy Cruz, che porta come nome anche quello di Antonio Tomba.

La tavola rotonda era composta dal Presidente dell’ Ente Vicentini nel Mondo, Giuseppe Sbalchiero, giunto appositamente dall’Italia per questo evento, dall’ Intendente Dipartimentale, Dott. Alfredo Cornejo e dallo stesso Onorevole Ricardo Merlo.La figura di Antonio Tomba, un immigrante italiano arrivato in Argentina prima del 1900, e il racconto di tutte le sue peripezie per diventare un pioniere della vitivinicultura a Mendoza, fondando la Bodega dei suoi famosi vini Tomba, una squadra di calcio oggi famosa in Argentina che gioca nella serie A, la Godoy Cruz Antonio Tomba,  e il primo Ospedale di Mendoza, El Carmen, la prima Associazione di Italiani all’estero, sono stati gli argomenti alla base dell’intervento del Presidente della Comisssione Cultura dell’ Ente Vicentini nel Mondo, Ferruccio Zecchin.

La sala dell’incontro era piena di familiari discendenti di questo pioniere, che morì all’età di 50 anni durante un viaggio di ritorno in Italia, e di rappresentanti della collettività italiana di Mendoza e del paese, come il presidente del CAVA, Mariano Gazzola, il Presidente del Comites, Bruno Pegorin, il Consigliere CGIE, Marcelo Romanello, la Presidente dell’ Associazione Veneta di Mendoza, Nelida Cecconato de Pegorin, e i membri del CAVA (Comitato delle associazioni venete Argentine) di tutto il paese giunte a Mendoza per questo evento e per la loro tadizionale riunione, che si è svolta in questa provincia.

Merlo ha preso la parola per sottolineare la figura di questo italiano che è riuscito per la sua costanza, la sua intelligenza e il suo lavoro, caratteristiche proprie dei nostri immigrati giunti in Argentina, a conquistare un ruolo preponderante nella società argentina e a portare progresso a paesi come questo dipartimento mendozino che oggi porta il nome di Godoy Cruz Antonio Tomba, portando sempre alto il prestigio e l’onestà della nostra gente.

Sabato Merlo ha portato un saluto ai membri del CAVA riuniti nella Asociación Veneta e alla sera ha avuto un incontro con un gruppo di giovani e Presidenti rappresentati di varie associazoni italiane  di Mendoza.A questa riunione hanno partecipato anche il Coordinatore Nazionale del MAIE, Mariano Gazzola, il Coordinatore regionale e segretario nazionale del MAIE, Marcelo Romanello, la coordinatrice dei giovani, Celeste D’Inca, il vicecoordinatore Claudio Massaccesi, il Segretario Regionale, Hugo Osvaldo Gascón. Merlo è intervenuto in modo chiaro e acuto sul panorama politico italiano attuale e sul percorso che sta compiendo il MAIE nella sua estensione in diversi luoghi del mondo.

Infine, Ricardo Merlo ha ringraziato i giovani per il compito che svolgono all’interno delle loro associazioni e li ha incoraggiati a unire le loro forze per difendere gli interessi degli italiani all’estero.

Insomma, anche nel periodo estivo il MAIE continua a lavorare. Continua intensa l’agenda del Presidente Merlo, che prevede nei prossimi giorni anche degli incontri a San Paolo ed in altre città del Brasile.

NESSUN COMMENTO

Comments