Italiani all’estero, Anche in cucina si veste made in Italy

A Hong Kong, in occasione della terza edizione dell’Italian Cuisine and Wines World Summit, l’alta sartoria italiana arriva in cucina. Proprio così: in Cina è stata presentata la prima giacca da chef di design, disegnata da Lorenzo Riva, sarto milanese coinvolto nell’evento organizzato dal consolato generale, in collaborazione con la Camera nazionale della moda. Il modello e’ stato presentato in occasione della cena di apertura dell’Italian Cuisine World Summit, grande vetrina per la cucina italiana cui hanno partecipato 16 tra i migliori chef del nostro Paese.

Si tratta di un’idea nata tra il consolato generale e il Gruppo virtuale Chef italiani, organizzazione che riunisce piu’ di 1600 cuochi italiani dislocati in oltre 70 paesi.

La giacca da chef firmata Riva – esposta al pubblico all’interno del padiglione di Vinitaly per tutta la durata della Hong Kong Wine and Spirits Fair 2011, cui l’Italia ha partecipato con oltre 200 aziende – lancia così la sfida al design francese di Henri Bragard, creatore di divise per eccellenza. Vestire italiano anche in cucina è naturalmente l’obiettivo: in questo modo il made in Italy diventa ancor più protagonista.

 

NESSUN COMMENTO

Comments