Docenti italiani all’estero, senza abilitazione non si insegna in nessuna scuola! – di Gerardo Petta

È proprio ora di smetterla cari insegnanti DES (Docenti degli Enti Gestori in Svizzera) di sbraitare, offendere e fare gli ipocriti nel sostenere   che solo grazie a voi funzionano e possono avere un futuro  i corsi di lingua e cultura italiana.

A questo punto è proprio ora di smascherarvi e rendere pubblico  che la maggior parte degli insegnanti DES non ha il titolo abililitante per insegnare sia a livello elementare sia a livello medio. Dal 1993, anno in cui sono sorti gli Enti Gestori, molti dei docenti assunti in loco  insegnano senza il suddetto titolo. In una situazione di emergenza, 20 anni fa, quando lo stato italiano iniziò questo processo di semi- privatizzazione dei suddetti  Corsi,  era forse  l’unica soluzione possibile per garantire il diritto allo studio a una parte degli alunni rimasti senza insegnanti, perché fatti rimpatriare  dalla decisione, improvvisa,  dell’allora governo Ciampi. Nel frattempo, però, sono trascorsi troppi anni e sono  stati tra l’altro  banditi alcuni   concorsi per il conseguimento della suddetta abilitazione,  ma la maggior parte degli  insegnanti DES ha preferito non sottoporsi a questi esami.

Senza il più volte citato  titolo abilitante  sia in Italia sia  in Svizzera non si potrebbe mai aspirare ad avere un incarico annuale in una scuola statale o paritaria. Invece voi, cari colleghi DES,  insegnate da 20 anni nei Corsi di lingua e cultura italiana,  sprovvisti  di un requisito fondamentale e indispensabile. Ciò è ingiusto e scorretto verso tutti quei docenti  che si sono impegnati, come me,  tramite un   concorso  a conseguire  un’abilitazione all’insegnamento.

Vi invito pertanto  a riflettere prima di sparlare dei docenti e dei supplenti MAE, perché essi hanno un titolo abilitante, invece  voi, cari insegnanti DES, tanto per rimarcarlo, non lo avete. 

Nell’incontro pubblico del 9 giugno scorso con l’On. Elena  Centemero (PDL) è stata  fatta presente, tra l’altro, anche  questa anomalia  e  proposto una eventuale  organizzazione  all’estero di  un concorso abilitante, affinché tutti coloro che insegnano da diversi anni possano finalmente conseguire   il suddetto titolo. Questo sarebbe un obiettivo  comune da portare avanti insieme, coinvolgendo tutte le forze politiche, ma voi invece continuate a farvi prendere in giro da proposte assurde di alcuni parlamentari di centro-sinistra che, pur di avere il vostro voto alle prossime elezioni politiche, vi hanno promessso  di far rimpatriare tutto il personale docente del  MAE e far gestire  solo agli Enti i suddetti Corsi, in modo che voi possiate continuare a lavorare senza i requisiti necessari. Scordatevelo, non succederà mai!

Di conseguenza vi invito a non scrivere inutili e ridicoli comunicati stampa, perché ispirandomi al   proverbio : "Senza soldi non si cantano messe"   per voi ho coniato il seguente : "Senza abilitazione non si insegna in nessuna scuola!".

NESSUN COMMENTO

Comments