Berlusconi, il web e gli italiani nel mondo – di Eugenio Sangregorio

Il Popolo della Libertà ha deciso di puntare molto su internet per la prossima campagna elettorale. Il sito del PdL è stato messo a nuovo da poco ed è diventato una vetrina completa di propaganda politica, in sinergia anche con i più diffusi social network, Facebook e Twitter. Una spinta importante alla decisione l’ha certamente data il segretario del partito, Angelino Alfano, uomo tecnologico che si è da tempo rivelato nei fatti e nelle parole sostenitore e fautore del più ampio utilizzo informatico nella strategia della comunicazione.

Noi italiani nel mondo conosciamo bene l’importanza della rete, che ci consente di restare al passo con le notizie mediante un semplice clic, ma soprattutto ci permette di comunicare in tempo reale con gli italiani connazionali residenti all’estero. Una piazza virtuale, il web, che aiuta a promuovere la cultura, la politica, le iniziative che ogni comunità italiana nel mondo porta avanti sul territorio, grazie ai siti web, ai social network, alle testate online dedicate.

Dispiace tuttavia notare che nel sito del PdL ancora non esista una sezione dedicata agli italiani all’estero. Perchè? Come mai il sito web del maggior partito italiano, del partito più forte in parlamento, di quel partito che "siamo i numeri uno anche sul web", per dirla con il Cavaliere, non ha dedicato uno spazio agli italiani all’estero? Forse perchè la politica del Pdl per gli italiani nel mondo è poca cosa? Forse perchè non c’è l’interesse? Sarebbe sbagliato a parer nostro. Certo è, in ogni caso, che per quanto riguarda il web e la politica dedicata agli italiani nel mondo, il PdL arriva dopo il Movimento delle Libertà. Noi del MdL infatti siamo da tempo presenti su internet, con il nostro sito, sempre aggiornato, e ci siamo nel dibattito politico sui media, con le nostre proposte e i nostri distinguo, spaziando a 360 gradi grazie al contributo dei moltissimi italiani che da tutte le latitudini ci dimostrano di sentirsi coinvolti e partecipi.

Il Movimento delle Libertà in Argentina continua a crescere. Presto partiranno delle importanti iniziative, nelle quali saranno coinvolti tanti connazionali residenti a Buenos Aires e in altre città argentine. Ormai il MdL anche qui è una realtà, che può soltanto rafforzarsi e diventare sempre più radicata sul territorio. Noi andiamo avanti convinti, con l’obiettivo di creare una squadra sempre più pronta alle sfide che verranno e che ci vedranno vincitori.

*Coordinatore del Movimento delle Libertà in Argentina

NESSUN COMMENTO

Comments