Matteo Renzi, “voglio il Pd al 40% per andare da soli al governo”

Su cittadinanza: “Lo Ius soli vuol dire che chi nasce in Italia è italiano, come negli Usa, da noi c'è ius sanguinis, noi lo ius soli lo dobbiamo fare”

Matteo Renzi

Matteo Renzi, ospite di Bersaglio Mobile su La7, nega l’intenzione di andare al governo con Silvio Berlusconi. E Enrico Mentana, che solleva questa ipotesi, spiega: “Come fa oggi lei ad immaginare che noi facciamo un governo con Berlusconi? L’ultimo governo a cui ha votato la fiducia e’ stato quello Letta e quello prima Monti. Non ha mai votato la fiducia a me”.

“Con Berlusconi ho fatto un accordo istituzionale, che e’ andato male, non ho mai fatto un accordo di governo”, spiega Renzi che in merito alle alleanze aggiunge: “Non conosco la legge elettorale, non so quanto prenderemo, e non so quali partiti scenderanno in campo”, dunque prevedere ciò che accadrà dopo il voto oggi è davvero impossibile.

Certo è che il segretario dem vuole vincere le prossime Politiche. “Non sono ossessionato dall’idea di tornare a Palazzo Chigi. Ma voglio vincere le elezioni. Io voglio portare il Pd al 40% perché così governiamo da soli. Se prendiamo i voti si va al governo, se non prendiamo i voti ci va un altro”.

Gentiloni? “Sta facendo molto bene il suo lavoro, ha fatto bene il ministro degli Esteri, ha fatto bene il parlamentare. E’ un ottimo presidente del Consiglio”. A Mentana che gli chiedeva se sia stato opportuno la conferma di Maria Elena Boschi e Luca Lotti nel governo, Renzi ha risposto che “ha scelto il presidente del Consiglio, mi sembra che Maria Elena Boschi stia facendo molto bene”.

“Lo ius soli io sono per farlo, così come i soldi per la cultura, in questa legislatura”. Per il leader del Pd, “queste sono alcune cose che si possono fare e vanno fatte con questo governo”. “Lo Ius soli vuol dire che chi nasce in Italia è italiano, come negli Usa, da noi c’è ius sanguinis, noi lo ius soli lo dobbiamo fare”.

Renzi poi lancia un appello, pensando alle zone colpite dal terremoto: “Ciascuno di noi dedichi qualche giorno di vacanze alle zone del terremoto, che hanno bisogno della nostra presenza fisica e del nostro turismo. C’e’ molto da fare, nel Lazio stanno facendo un lavoro straordinario, nelle Marche c’e’ una situazione piu’ difficile”. “Sergio Pirozzi? Una persona a cui voglio bene. Non so se ora si candiderà con la destra. Per me è il sindaco di Amatrice e certi rapporti umani restano”.

Poco prima che inizi la registrazione di Bersaglio mobile, negli studi di La7 a via Novaro, Matteo Renzi e Enrico Mentana scambiano qualche battuta scherzosa. Si parla anche della vicenda che riguarda la compagna del leader leghista Matteo Salvini. “Per carita’, solidarieta’ a Salvini. Sono cose private”, dice Renzi.