Italiani in Australia, Fedi (Pd): “Dall’Associazione Culturale Sarda un esempio di civiltà”

Il deputato eletto all’estero e residente in Australia: “Le nostre associazioni raccontano una storia, fatta di cultura e passione civile, che rappresenta uno degli strumenti per sconfiggere i mali del nostro tempo. Dobbiamo valorizzarle e rafforzarle”

Trent’anni di storia comunitaria dell’Associazione Culturale Sarda del Victoria rappresentano un contributo significativo alla costruzione del multiculturalismo in Australia e sono stati celebrati all’Abruzzo Club di Melbourne alla presenza dell’On. Marco Fedi, del Presidente del Com.It.Es. per il Victoria e la Tasmania, Francesco Pascalis, del Direttore de Il Globo, Dario Nelli, di Riccardo Schirru e Daniele Curto della rivista Segmento.

Il Presidente Paul Lostia ha ricordato i passaggi cruciali della storia dell’Associazione, l’impegno culturale e sociale che negli anni ha portato la comunità sarda d’Australia ad essere attiva in molti settori oltre all’impegno civile concretizzatosi con la partecipazione a numerose iniziative di raccolta fondi.

Nel breve indirizzo di saluto ai numerosi partecipanti l’On. Fedi ha ricordato l’impegno prioritario a cui tutti sono chiamati: rafforzare i valori civili e democratici delle nostre società.

Ed è particolarmente importante che un Paese come l’Italia, che oggi affronta il tema dello “ius soli”, trovi elementi di analisi dall’esperienza australiana. Nonostante i tentativi di chiusura, le restrizioni che in questi anni si stanno introducendo, prevale ancora in Australia, anche grazie al contributo della comunità italiana, un senso di forte adesione ai principi del multiculturalismo, alla valorizzazione delle diversità ed alla piena partecipazione di tutti alla vita sociale.

Fedi ha ricordato che dobbiamo trovare risposte ad una minaccia terroristica che vadano oltre il lavoro di contrasto e di intelligence – da rafforzare e coordinare – per trasformarsi in aperture culturali. Il terrorismo vince quando ci impone la chiusura, culturale e sociale, la paura e la rinuncia ai principi della nostra civiltà.

Le nostre associazioni – ha concluso Fedi – raccontano una storia, fatta di cultura e passione civile, che rappresenta uno degli strumenti per sconfiggere i mali del nostro tempo. Dobbiamo valorizzarle e rafforzarle.

Nei prossimi giorni, in tutta Australia, l’On. Fedi incontrerà ed ascolterà le associazioni, i Patronati, gli enti gestori, il personale della nostra rete diplomatico-consolare, le Camere di Commercio, i mezzi d’informazione, radiotelevisivi e cartacei, che svolgono un ruolo fondamentale per le nostre comunità, il mondo accademico e della ricerca, con l’obiettivo di predisporre una serie di proposte innovative da presentare alle istituzioni italiane. L’obiettivo comune, quindi, è andare avanti. Senza dimenticare la nostra storia, anzi facendone buon uso nella costruzione della futura presenza italiana nel mondo che si arricchisce ogni giorno di nuove energie positive.