Italiani all’estero, incontro Nissoli e Siddi: “Potenziare Rai Italia”

“Risulta fondamentale il potenziamento di Rai Italia, che deve essere in grado di affrontare con più forza le sfide della contemporaneità”

Ieri l’on. Nissoli, dopo aver raccolte le sollecitazioni della Comunità italiana all’estero, ha incontrato il Consigliere di Amministrazione Rai Dott. Franco Siddi, con il quale ha avuto un cordiale scambio di idee sulle prospettive del sistema di informazione pubblico per gli italiani all’estero.

Nella prospettiva del rinnovo del contratto di servizio della Rai con il Governo, non ancora rinnovato passato un anno dalla scadenza naturale, sono stati affrontati i temi e le problematiche concernenti il servizio pubblico, servizio che si intende deve essere usufruito anche dagli italiani all’estero in quanto cittadini.

In quest’ottica, si è parlato del ruolo della Rai nella prospettiva della proiezione internazionale dell’Italia e del suo ruolo nell’implementazione del Sistema Italia all’estero, in “questo risulta fondamentale il potenziamento di Rai Italia, che deve essere in grado di affrontare con più forza le sfide della contemporaneità”, come ha sottolineato l’on. Nissoli.
Nel contratto di servizio, secondo la parlamentare eletta in Nord e Centro America, si dovrà specificare il ruolo di servizio della Rai verso le Comunità italiane all’estero, “un servizio molto importante che merita il giusto risalto”, ha detto l’on. Nissoli.

Inoltre, la deputata ha illustrato al Consigliere Siddi il suo disegno di legge sull’informazione di ritorno nel servizio radiotelevisivo pubblico in modo che anche gli italiani che vivono sul territorio nazionale siano informati di quella che è l’Italia all’estero.
“Una informazione di ritorno che già esiste ma che va sistematizzata e potenziata affinché si possa prendere coscienza della grandezza del nostro Paese come Sistema”, ha detto l’on. Nissoli ricordando che  “nello stesso disegno di legge, ho chiesto che nella definizione dei contenuti della programmazione per l’estero della società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e il Ministro dello sviluppo economico, nel fissare le linee-guida sul contenuto degli ulteriori obblighi del servizio pubblico generale radiotelevisivo tengano conto “delle proposte delle associazioni degli italiani all’estero e delle realtà regionali al fine di promuovere il «sistema Italia» attraverso la valorizzazione dei prodotti tipici, delle eccellenze italiane, delle iniziative culturali e imprenditoriali e delle concrete possibilità di interscambio economico-sociale con le comunità italiane all’estero e, in particolare, con i giovani che ne fanno parte”. “In questo contesto – ha precisato poi la deputata –  prevedo un ruolo centrale di Rai Italia che potrebbe fornire i contenuti di cui si parla”.

Il Consigliere Siddi ha raccolto con attenzione le sollecitazioni dell’on. Nissoli e si è impegnato a lavorare per migliorare i servizi Rai rivolti alle Comunità italiane all’estero.