Sottosegretario Di Stefano: “Italiani all’estero patrimonio da valorizzare”

"L'enorme comunità italiana all'estero è una base fondamentale per la nostra economia e per la nostra capacità di internazionalizzare. Un patrimonio non da sottovalutare, ma da valorizzare"

Sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano, M5S

Manlio Di Stefano, Sottosegretario agli Esteri, nel suo intervento alla riunione organizzata dal Consiglio generale degli italiani all’estero (Cgie), ha detto che internazionalizzazione non e’ sinonimo di delocalizzazione, ma contributo al rafforzamento dell’export.

La Farnesina, secondo Di Stefano, accompagna lo “slancio verso l’estero delle migliori e piu’ dinamiche realta’ del nostro Paese”.

“Per noi internazionalizzazione non e’ sinonimo di delocalizzazione”, ha chiarito il sottosegretario, parlando invece di un contributo aumento dell’export di beni e servizi prodotti in Italia anche con la presenza fisica delle imprese all’estero.

Secondo Di Stefano, gli italiani all’estero sono un patrimonio da non sottovalutare ma “piuttosto da valorizzare”. Il sottosegretario ha quindi ricordato che l’export conta per un terzo del Pil Italiano ed il nostro Paese e’ la seconda potenza commerciale e la seconda manifattura d’Europa dopo la Germania.

Di Stefano ha elogiato la “semplificazione” apportata dalla riforma che ha trasferito alla Farnesina tutte le competenze sul commercio estero, permettendo alle aziende di avere “un interlocutore unico” per le loro esigenze legate all’internazionalizzazione.

“L’enorme comunità italiana all’estero è una base fondamentale per la nostra economia e per la nostra capacità di internazionalizzare. Un patrimonio non da sottovalutare, ma da valorizzare”.