Riforme, Toti (Fi): a Berlusconi non servono leggi ad personam

"Chiariamolo una volta per tutte. Noi non abbiamo alcun bisogno di leggi ad personam. Perché i fatti stanno rendendo giustizia al presidente Berlusconi". Così, in una intervista a Repubblica, Giovanni Toti, consigliere e braccio destro del leader forzista, replica a quel "mai più leggi ad hoc" del premier Renzi.

"Noi vogliamo benefìci per il Paese – afferma l’eurodeputato forzista -. Non ci servono leggi ad personam. L’assoluzione sul caso Ruby ha dimostrato che esiste un giudice a Berlino e ci ha dato ragione sul fatto che questo processo, costato tanto al presidente e al Paese intero, non doveva essere celebrato".

Sulla condanna definitiva nel processo Mediaset dice: "Siamo molto fiduciosi che la prossima pronuncia della Corte di Strasburgo renda merito anche lì all’innocenza del presidente Berlusconi". E tornando al patto del Nazareno precisa che le parole di Renzi confermano "un metodo che il premier e segretario Pd intende seguire sulle riforme istituzionali e sulla legge elettorale. Dialogo ampio, che coinvolga forze di maggioranza e di opposizione, e Forza Italia in particolare", "l’accordo c’è, è cristallino e si sta concretizzando sotto gli occhi di tutti, nelle aule parlamentari. E riguarda esclusivamente le riforme istituzionali e la legge elettorale".