Ricostruire il centrodestra, da Berlusconi a Salvini a Merlo – di Antonio Gabriele Fucilone

Il centrodestra va ricostruito. Se si vuole dare agli italiani un’alternativa al Partito Democratico di Matteo Renzi e al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, serve un centrodestra unito e forte. Prima di tutto, serve un progetto politico serio che parta dalla riforma del fisco e che tratti anche materie importanti come il rapporto con l’Unione Europa, la lotta all’immigrazione clandestina e la sicurezza. In secondo luogo, serve un patto federativo tra Forza italia, Fratelli d’Italia e quelle parti di Unione di Centro, Nuovo Centrodestra e Scelta Civica che vogliono essere alternative a Renzi. Inoltre, si deve ricostruire l’alleanza con la Lega Nord.

La Lega Nord oggi non punta solo al consenso del nord ma punta a ricevere consensi in tutta Italia. Quindi, si dovrà fare un nuovo patto con la Lega, basandosi su questioni importanti, come il rapporto con l’Unione Europea e si dovrà fare capire a Matteo Salvini che se non si alleasse il Carroccio potrebbe prendere tanti voti ma resterebbe all’opposizione.

Oltre a ciò, bisogna fare una solida alleanza con il Movimento Associativo Italiani all’Estero (MAIE) di Ricardo Merlo. Infatti, Renzi sta creando molti problemi agli italiani all’estero, per via delle ambasciate fatte chiudere, in nome della spending review.

Forza Italia dovrebbe superare le divergenze interne. Quanto accaduto per il Quirinale dimostra che Raffaele Fitto aveva ragione sul "patto del Nazareno", come mezzo per Renzi per prendere il potere. Per dirla in parole povere, Berlusconi è stato fregato. Ora, Forza Italia voti solo quello che ritiene convincente e superi certe fibrillazioni interne. Berlusconi diventi il padre nobile di Forza Italia e rinnovi i suoi vertici interni. Gli italiani hanno diritto di avere un’alternativa politica a Renzi.