Pessina (Fi), sulla legge elettorale decida il Parlamento

“Forza Italia si dichiara disponibile a sedersi al tavolo della discussione, purché allargato a tutte le forze politiche e non sottoposto ai diktat di un solo partito”

Sen. Vittorio Pessina

Alla proposta renziana sulla legge elettorale fatta all’ultima direzione del PD, Silvio Berlusconi ha risposto con prudenza e senso di responsabilità, articolando le motivazioni delle sue perplessità senza infierire sulle difficoltà del governo.

“Il nostro Presidente – dichiara il senatore Vittorio Pessina, responsabile nazionale del dipartimento Italiani all’estero di Forza Italia – ha spiegato che nel nostro sistema diventato tripolare il Mattarellum non garantirebbe governabilità e che solo una legge proporzionale potrebbe rimuovere sia il problema della certezza della vittoria sia quello dei dubbi di costituzionalità sottoposti alla Consulta. Le coalizioni non sono da considerarsi una iattura, anzi esse rendono possibile una più ampia rappresentatività nel rispetto dei valori della democrazia”.

“Se il popolo è sovrano – prosegue Pessina -, anche le scelte meno forti numericamente devono poter trovare spazio in Parlamento. Per questo Forza Italia, pur respingendo l’idea del Mattarellum, si dichiara disponibile a sedersi al tavolo della discussione, purché allargato a tutte le forze politiche e non sottoposto ai diktat di un solo partito. Gli italiani hanno espresso la volontà di riprendere la strada delle riforme condivise rifiutando in massa la teoria dell’uomo solo al comando. La data delle elezioni – conclude il senatore – si deciderà soltanto dopo aver trovato nell’arco parlamentare un sistema accettato dalla maggior parte dei rappresentanti del popolo. E allora sarà vera democrazia”.

Comments