Berlusconi, ‘si vota nel 2018 e io mi candido per vincere’

Silvio Berlusconi, giunto a Roma martedì, nel pomeriggio di mercoledì si è riunito con i senatori di Forza Italia. Il Cavaliere è arrivato a Palazzo Madama poco prima delle 15. E parlando ai suoi, ha subito chiarito: “Noi siamo alternativi al governo Renzi, soprattutto sulle proposte economiche. Questo governo, come tutti quelli della sinistra e’ un governo delle tasse, dobbiamo spiegare bene questa cosa".

L’uomo di Arcore assicura: “svendere il partito? Sui giornali leggo solo falsità. Al contrario, io rilancio il nostro progetto! Pensate che io saluti tutti da sconfitto? Dopo tutto ciò che ho fatto, non posso abbandonare la politica da perdente”. Voto anticipato? “Non ci credo, Renzi è furbo, questa legislatura durerà fino al 2018. E Nel 2018 io ci sarò e torneremo a vincere".

Il capogruppo azzurro in Senato, Paolo Romani, riferisce: “Berlusconi ci ha detto che e’ tornato in campo e che intende concludere la sua esperienza politica con una vittoria e non certo con una sconfitta”.

Sulla legge elettorale il presidente di Forza Italia ha ribadito che l’accordo e’ quello del Nazareno e che ogni eventuale modifica deve essere discussa fra le parti.

REGIONALI “Wanfa Ferro è un ottimo candidato, possiamo vincere in Calabria”. Silvio Berlusconi parla anche delle prossime regionali davanti ai senatori. Il Cav è convinto che l’aspirante governatore per il dopo-Scopelliti, sostenuto da Fi e Fdi, abbia molte chance per essere eletto.

Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna, “dobbiamo sostenere Alan Fabbi, è un bravo ragazzo con la barba e il codino, ma glieli farò tagliare…”. Silvio chiede di votare in massa per il candidato indicato dal Carroccio per il dopo-Errani, il 35enne Alan Fabbri, conosciuto per il suo look un po’ grunge, barba incolta e codino. Due settimane fa, quando Fabbri ha ricevuto ad Arcore l’investitura ufficiale, il Cav lo bacchettò per i capelli lunghi, ma l’esponente leghista rispose picche con una battuta: ”Presidente, per me i capelli lunghi sono un valore aggiunto, li porto da quando avevo quindici anni…”. Ora Berlusconi sarebbe tornato alla carica, annunciando una telefonata per convincere Fabbri a cambiare idea.