Zucchine a 7 euro per il freddo? Lasciatele sul banco!

Zucchine a 7 euro per il freddo? Lasciatele sul banco! Il consumatore deve imparare a difendersi da solo. In uno Stato che non riesce a far rispettare le leggi che esso stesso approva e di fronte alla ingordigia del mondo del commercio, il consumatore ha una sola arma: la scelta di non acquistare un determinato prodotto. Le geremiadi sugli aumenti dei prezzi che ad ogni stagioni vengono attribuite, di volta in volta, alle gelate o alla siccita’  lasciano il tempo che trovano e sono per la maggior parte false. Si ricordi a tal proposito l’aumento del prezzo delle zucchine a causa delle ghiacciate degli anni passati: si scopri’ poi che l’ortaggio proveniva dall’Egitto, dove i freddi intensi esistono solo nei sogni. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: e’ il mondo del commercio, dal grossista al dettagliante, che provoca aumenti del tutto ingiustificati. Al consumatore non rimane che la scelta di passare oltre il banco che offre prodotti i cui prezzi sono aumentati senza motivo. E’ una scelta di consapevolezza e di governo del mercato. Se i prodotti sono troppo cari occorre lasciarli sul banco di vendita, si vedra’ che in pochi giorni il prezzo diminuira’.

 Primo Mastrantoni, segretario Aduc*
 *Associazione per i diritti degli utenti e consumatori.

NESSUN COMMENTO

Comments