Zaia: “Federalismo? Mezzo territorio italiano è fallito”

“Perché bisogna continuare a dare la paghetta a chi non studia e non si alza la mattina?”

Luca Zaia, governatore del Veneto, in merito al referendum sull’autonomia del Veneto. “Il nostro referendum chiede ai veneti se vogliono un Veneto con più autonomia, in linea con le possibilità di autonomia che la Costituzione dà. La Costituzione, che Renzi voleva cambiare, prevede che le regioni possano avere fino a 26 competenze. Noi immaginiamo che uno stato moderno che funzioni sia più simile alla Germania federale che alla Grecia”.

“Napolitano – prosegue Zaia parlando a Radio Cusano Campus – da presidente diceva che il federalismo è una vera assunzione di responsabilità. In un Paese come l’Italia in cui abbiamo mezzo territorio che è tecnicamente fallito, dove abbiamo 30 miliardi di sprechi che non riusciamo a controllare, forse vale la pena fare un ragionamento come in tutte le famiglie: la paghetta a fine settimana te la dò se hai studiato, se hai bei voti, se hai messo i piatti nella lavastoviglie. Non si capisce per quale motivo bisogna dare la paghetta anche a chi non va a scuola, non si alza al mattino, combina casini. Il federalismo aggrega i Paesi, non li divide. Sto assistendo alle dichiarazioni di emeriti tromboni, che mi chiedo come facciano ad avere dei titoli accademici, che continuano a dire che questo referendum è illegale e contro lo Stato, quando in realtà è previsto dalla Costituzione. Chi si lamenta di questo vuol dire che è contro la Costituzione, senza saperlo”.