Why not, interrogato in Aula ex assessore Regione Calabria

E’ stata dedicata all’interrogatorio dell’ex assessore della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale Ennio Morrone, l’udienza di stamani del processo Why not su presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici.

Morrone, imputato nel processo con l’accusa di abuso d’ufficio, all’epoca dei fatti era nell’Udeur ed assessore al personale nella Giunta regionale di centrosinistra.

Rispondendo alle domande del pg Massimo Lia sull’affidamento da parte della Regione di alcuni servizi relativi al censimento del patrimonio immobiliare dell’ente e per la verifica dei bisogni formativi dei dirigenti a societa’ esterne, Morrone ha riferito che le pratiche erano curate dai funzionari degli assessorati e che la Giunta, votando le delibere, aveva compiuto un atto di indirizzo. Morrone ha anche escluso di avere mai raccomandato alcuno dei lavoratori assunti dalle societa’ esterne per lo svolgimento degli incarichi.

Per oggi era in programma l’interrogatorio di Caterina Merante, principale teste d’accusa ed imputata nel processo per una presunta violazione delle norme sul lavoro. La Merante non si e’ presentata e l’accusa ha chiesto l’acquisizione dei verbali delle sue dichiarazioni. Richiesta accolta dal tribunale con l’opposizione dei difensori di alcuni imputati all’utilizzabilita’ per la parte riguardante i loro assistiti.

NESSUN COMMENTO

Comments