Vogliamo essere padroni a casa nostra: sveglia Italia! – di Andrea Verde

Cécile Kyenge, già ministra della Repubblica italiana, di cui si ricordano i marabu del padre contro Calderoli, ha dichiarato che la Lega è razzista e che servirebbe una norma per metterla fuori legge. Nel frattempo Magdi Allam viene processato dall’ordine dei pennivendoli, pardon, dei giornalisti, per "islamofobia". Ah, dimenticavo che ad Ajaccio, in Corsica, al Fesh Museum, è esposta una fotografia dal titolo emblematico, "Piss Christ", in cui è raffigurato un crocifisso immerso in un bicchiere di urina. Decine di cattolici protestano, ma l’intellighenzia sinistrosa radical-choc fa spallucce. Si può offendere la sensibilità del mondo cattolico senza che nessuno si scandalizzi, ma non si possono usare termini come "Vu cumprà"…

Guai poi a dissentire dal pensiero unico che vuole i gay e i musulmani "vittime" di una società intollerante, omofoba e islamofoba: tra un po’, per non urtare le minoranze, verranno banditi i termini mamma e papà, sostituiti dai più politicamente corretti "genitore1 e genitore2", verranno definitivamente aboliti Babbo Natale, il Natale e la Pasqua, verranno imposti menù differenziati nelle mense scolastiche e ci saranno sempre più donne con il burqa nelle grandi città.

Sarà consentito ad un musulmano di rifiutare che la propria moglie riceva cure mediche da un medico di sesso maschile e, nell’ottica del rispetto delle tradizioni e del multi-culturalismo, verranno autorizzati ricongiungimenti familiari per gli immigrati provenienti da Paesi in cui è legale la poligamia (il tutto a carico degli organismi previdenziali italiani).

I mattatoi italiani dovranno praticare in misura crescente la macellazione rituale, verrà vietata la vendita di salumi e lo stato finanzierà le moschee (in nome del pluralismo religioso, of course!).

Dopo le quote rosa, le quote gay, le quote neri, verrà vietato agli italiani di fare domanda per gli alloggi di edilizia popolare e magari verranno vietati i matrimoni etero sessuali.

I ragazzi della Folgore, rei di aver intonato canzoncine fasciste, saranno radiati dall’esercito e i marò abbandonati in India.

Non si celebrerà più la giornata in ricordo dei martiri delle foibe e degli eroi di El Alamein, ma si spiegherà agli alunni che l’occidente ha gravi colpe verso i paesi dell’Africa per via del colonialismo, ragion per cui dovremo chinare il capo e scordarci di essere i padroni a casa nostra. I centri sociali diventeranno i padroni delle città e i poliziotti che oseranno ristabilire l’ordine finiranno in galera. Le nostre tradizioni, il nostro modo di mangiare, di vestire, di vivere, saranno sostituiti dal pensiero unico e dalle cucine etniche. Se non combattiamo il "politicamente corretto" l’Italia andrà a puttane! Sveglia Italia!