Venezuela, l’Onu: “Situazione deplorevole”. Torture, maltrattamenti, detenzioni arbitrarie

In Venezuela per comprare il latte per alimentare i bambini servono due mesi di stipendio. Le autorità venezuelano continuano con gli abusi. Fino a quando?

La situazione che si vive in Venezuela è “deplorevole” per l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, che venerdì ha chiesto una commissione di inchiesta internazionale e “un maggiore impegno” della Corte penale internazionale (CPI) ).

Zeid Raad Al Hussein, denunciando la politica di repressione nel paese e citando casi di esecuzioni extragiudiziali, detenzioni arbitrarie, torture con violenza sessuale, finte esecuzioni e scosse elettriche, in una nota dichiara: “Quando una scatola di pillole per la pressione alta costa più del salario minimo mensile e il latte per allattare i bambini più di due mesi di stipendio, ma manifestare contro una tale situazione può portarti in prigione, l’estrema ingiustizia della situazione è lampante”.

Secondo l’Onu fin dal 2014 continuano in terra venezuelana detenzioni arbitrarie, torture e maltrattamenti. Le autorità venezuelane hanno negato l’accesso al paese da parte di esperti delle Nazioni Unite. Così Zeid ha incaricato un team di esperti sui diritti umani di intervistare circa 150 persone a distanza, incluse le vittime e le loro famiglie, oltre a testimoni, giornalisti, avvocati e medici particolare.

Almeno 12.320 persone sono state arrestate nel paese tra gennaio 2014 e aprile 2018, e più di 7.000 di loro sono stati rilasciati con la condizione di rispettare una serie di misure che limitano la loro libertà. Almeno 570 persone, tra cui 35 bambini, sono detenuti dallo scorso agosto.

“Data la portata delle violazioni”, il rapporto afferma che “gli stati membri del Consiglio per i diritti umani dovrebbero istituire una commissione d’inchiesta internazionale”. “Dal momento che lo stato non sembra in grado o disposto a perseguire gravi violazioni dei diritti umani, ci sono forti motivi per chiedere un maggiore coinvolgimento della Corte penale internazionale”, ha aggiunto.