Usa, ecco i 100 più influenti del Time: c’è anche Papa Francesco

Kanye West e Kim Kardashian ma anche i fratelli Koch, miliardari burattinai della destra Usa: non e’ un reality all’insegna delle molte "K", ma la lista dei 100 personaggi piu’ influenti di Time. L’elenco di politici, magnati, artisti, include quest’anno, per la seconda volta, Papa Francesco, e poi Jeb Bush e Hillary Clinton, ma, come del resto l’anno scorso, nessun "influente" italiano. La premio Nobel pakistana Malala Yousafzai e’ la piu’ giovane, il presidente tunisino Beji Caid Essebi il piu” vecchio: "A 88 anni si trova a guidare la piu’ giovane democrazia araba".

La top 100 e’ divisa in cinque categorie. Kanye guida quella dei "Titani" e si guadagna la copertina con l’omaggio dell’ad di SpaceX e Tesla Motors Elon Musk. Barack Obama scrive, invece, del premier indiano Narendra Modi, David Cameron di quello iracheno Haider al Abadi. Il giudice conservatore della Corte Suprema Antonin Scalia elogia la capacita’ di creare "uno spirito di collegialità’" della super-liberal Ruth Bader Ginsburg (nella categoria "Icone") osservando che nelle sue opinioni "e’ quasi sempre corretta".

E sempre sul fronte degli amici-nemici, Hillary Clinton rende omaggio alla senatrice Elizabeth Warren, la sua "spina nel fianco" a sinistra.

Tra i "Leader" ci sono Vladimir Putin e Raul Castro, Angela Merkel e Alexis Tsipras. Gli "Artisti" includono il pittore Chris Ofili e il regista di "Boyhood" Richard Linklater.

"Influenti" italiani erano stati nella top 100 di Time l’ultima volta nel 2013: l’anno scorso erano finiti in panchina i due "superMario", Draghi e Balotelli. I Koch sono stati encomiati dal senatore repubblicano Rand Paul, uno dei concorrenti per la corsa alle elezioni del 2016 e potenziale destinatario dei loro miliardi elettorali: "Per decenni hanno finanziato istituti che promuovo idee, non politica" i cui valori "resteranno per generazioni".

E poi Kim Kardashian, la regina del trash-reality a cui fa il ritratto la decana del ‘bon ton’ Martha Stewart: "Un fenomeno dei media, una bellezza esagerata, trasuda energia, sessualita’, melodramma, determinazione. Ma e’ anche una che, con fratelli e sorelle e la saggia e instancabile matriarca, ha allargato la definizione della famiglia: discendenza armena, di diverse etnie, un genitore trans. Totalmente moderno".

NESSUN COMMENTO

Comments